RPT - Spending review, Polillo conferma impegno a sterilizzare Iva

mercoledì 6 giugno 2012 11:08
 

(Corregge refuso in ultimo paragrafo)

ROMA, 6 giugno (Reuters) - Il governo ribadisce l'impegno a sterilizzare l'aumento dell'Iva previsto dal prossimo mese di ottobre.

"Questo è un primo imperativo", ha detto il sottosegretario al Tesoro, Gianfranco Polillo, replicando a nome del governo nell'aula del Senato, che si avvia a votare il decreto legge sulla spending review.

Secondo il rappresentante del governo, "in una situazione di forte caduta della domanda interna è chiaro che sarebbe incomprensibile e del tutto errato puntare su un ulteriore aumento dell'Iva".

Le risorse necessarie a sterilizzare del tutto l'aumento dell'Iva ammonterebbero a 3,28 miliardi di euro nel 2012, a 13,12 miliardi nel 2013 e a 16,4 miliardi nel 2014, secondo le stime inserite dal Tesoro nella manovra correttiva di dicembre.

Ieri il responsabile della Spending review, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Piero Giarda, ha detto che il terremoto in Emilia Romagna rende più difficile per il governo ridurre la pressione fiscale. Infatti i fondi "resi disponibili dalla spending review" dovranno concorrere anche alla ricostruzione dei territori colpiti, come annunciato dal governo il 30 maggio scorso.

Per ora il governo ha annunciato di voler risparmiare, attraverso la spending review, 4,2 miliardi tra giugno e dicembre 2012, che diventano 7,2 a partire dal 2013. I tagli diverranno operativi attraverso un decreto legge che il governo dovrebbe approvare entro fine giugno.

Polillo dice che evitare ora l'aumento dell'imposizione indiretta permette al governo di conservare "una riserva di valore" per portare avanti, in una prospettiva di medio termine, lo spostamento del carico fiscale dalle persone alle cose, dall'Irpef all'Iva.

"Qui noi abbiamo un'anomalia tutta italiana: in Francia e in Germania il peso delle imposte indirette sul Pil è di circa tre punti inferiore al peso delle imposte dirette. La spiegazione è semplice: la prevalenza tutta italiana delle imposte indirette equivale a una sorta di svalutazione monetaria, perché consente di colpire le importazioni e di favorire le esportazioni", ha detto Polillo.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia