Incentivi, niente credito imposta R&S, compensazioni a 700.000 euro-bozza

mercoledì 30 maggio 2012 16:51
 

ROMA, 30 maggio (Reuters) - Niente credito di imposta per chi investe in Ricerca e sviluppo e aumento della soglia per la compensazione dei crediti fiscali a 700.000 euro.

Lo prevede la nuova bozza del decreto legge di riordino degli incentivi alle imprese datata 30 maggio e che, secondo quanto riferisce una fonte governativa, dovrebbe essere all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri di venerdì 1 giugno.

L'articolo 3 dello schema di decreto legge istituisce presso il ministero dello Sviluppo economico, "senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, una commissione per la valutazione delle migliori pratiche a livello europeo in merito alle politiche pubbliche di sostegno alla spesa in ricerca e sviluppo pubblica e privata".

Le precedenti bozze del decreto, circolate in questi giorni sulla stampa, parlavano invece di un credito di imposta del 30% su una spesa annua di almeno 50.000 euro e per un massimo di 600.000 euro annui.

La soglia di compensazione dei crediti fiscali, attualmente pari a circa 516.000 euro, dovrebbe salire a 700.000 euro in base alla nuova bozza e non a 1 milione di euro come ipotizzato finora.

L'articolo 14 del documento impone al governo di emanare entro 60 giorni il decreto ministeriale previsto dall'articolo 10 della manovra di metà 2009. Quella legge ha stabilito che, "tenendo conto delle esigenze di bilancio", il governo può alzare l'attuale limite "fino a 700.000 euro".

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia