Tesoro studia cessione Sace e Fintecna a Cdp per taglio debito

giovedì 24 maggio 2012 15:07
 

ROMA, 24 maggio (Reuters) - Il governo sta valutando un piano con cui il Tesoro cederà alla Cassa depositi e prestiti (Cdp) le sue controllate Sace e Fintecna con lo scopo di ridurre il debito aumentando la leva finanziaria di Cdp.

Il piano potrebbe già essere esaminato al Consiglio dei ministri di domani. Lo ha detto a Reuters una fonte governativa che ha chiesto di non essere citata.

"Si sta pensando di conferire a Cdp la Sace e Fintecna; non so se il piano verrà portato già domani in Consiglio dei ministri", ha detto la fonte.

Con questa operazione si avrebbe un effetto positivo sul debito pubblico, portando fuori del perimetro della Pa le due società oggi al 100% del Tesoro, e si darebbe a Cdp una ancora maggiore dotazione patrimoniale per aumentare la sua capacità di raccolta sul mercato per una eventuale operazione di abbattimento dello stock di debito.

In alcuni articoli di stampa, del gennaio scorso e in un studio di Mediobanca del 28 febbraio, si ipotizzava un ruolo di Cdp per una operazione di abbattimento dello stock di debito pubblico da 200 miliardi di euro. Quelle indiscrezioni non erano state smentite.

Tesoro e Cdp non hanno commentato a Reuters la notizia.

Fintecna ha un patrimonio netto di circa 2,3 miliardi mentre quello di Sace è di 6,2 miliardi e nello studio di Mediobanca le due società erano valutate nel complesso oltre 9 miliardi di euro che andrebbero ad accrescere il patrimonio della Cdp.

Il Tesoro, ha detto martedì il vice ministro Vittorio Grilli, sta anche cercando forme per finanziare l'operazione di rimborso dei debiti della Pa alle imprese e, secondo un articolo dei mesi scorsi, potrebbe utilizzare proprio la maggiore capacità di leva della Cdp a questo scopo.

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia