G8, leader cercano soluzione per crisi euro zona

venerdì 18 maggio 2012 17:15
 

di Laura MacInnis e Jeff Mason

WASHINGTON, 18 maggio (Reuters) - I leader del G8 si incontrano questo fine settimana negli Stati Uniti per affrontare la crisi della zona euro che si fa sempre più preoccupante, mentre cresce la paura che la Grecia possa lasciare il blocco dei 17 e mettere a rischio la moneta unica.

Oltre ai timori per le sorti della Grecia, i cui cittadini stanno massicciamente prelevando i propri risparmi dalle banche, il contesto globale è segnato dall'apprezzamento del dollaro, dalla discesa ai minimi storici dei tassi di interesse tedeschi e da una pressione sempre crescente sul sistema bancario spagnolo.

L'ospite del vertice, il presidente Usa Barack Obama, ha più volte pungolato i leader europei a intraprendere misure che rilancino la crescita, temendo un contagio che colpisca l'economia statunitense e le sue chance di una rielezione alla Casa Bianca il prossimo novembre.

Anche se non sono attese dal vertice decisioni concrete, lo staff di Obama ha riferito che il presidente punta a promuovere un approccio globale contro la crisi.

PRESSIONI SU BERLINO

Ieri, i leader delle quattro principali economie europee, Germania, Francia, Gran Bretagna e Italia, si sono parlati per cercare di arrivare al G8 con una posizione omogenea, evitando che la rigidità tedesca strenuamente ancorata alla difesa del rigore possa impedire il rilancio dell'economia in Europa.

I leader, al termine di una video conference call, si sono detti "d'accordo" sulla necessità che il rigore sui conti pubblici vada affiancato a interventi per la crescita.   Continua...