PUNTO 2 - Imu, comuni "inattendibili" su ammanco gettito - Tesoro

venerdì 18 maggio 2012 17:55
 

* L'Ifel (Anci) stima un buco di 2,2 mld sul gettito atteso

* Tesoro: lo studio si basa su una selezione avversa del campione

* I comuni parlano di "tensioni sociali" a causa dell'Imu

* La riforma del catasto richiederà tre anni (Aggiunge posizione Anci in secondo capitolo)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 18 maggio (Reuters) - Il ministero dell'Economia giudica "assolutamente dubbia" l'analisi con la quale i comuni stimano un potenziale buco di 2,2 miliardi nel gettito atteso dall'Imu, la nuova imposta sugli immobili che da quest'anno sostituisce l'Ici.

Lo dice il sottosegretario al Tesoro, Vieri Ceriani, mostrandosi fiducioso del fatto che il governo non dovrà aumentare entro il 10 dicembre le aliquote Imu per garantire i 21,4 miliardi di entrate previsti in manovra.

"L'attendibilità è assolutamente dubbia e indimostrabile", dice Ceriani riferendosi allo studio presentato oggi dall'Ifel, la fondazione istituita dall'associazione dei comuni italiani (Anci).

Basandosi su un campione pari al 15% dei comuni, l'Ifel stima "un'Imu inferiore a quella del Mef per un importo complessivo nazionale compreso tra un minimo di 1,9 e un massimo di 2,5 miliardi. La stima puntuale dello scarto ammonta a circa 2,2 miliardi".   Continua...