Tesoro aspetta giugno per verificare ammanco gettito - Ceriani

venerdì 18 maggio 2012 14:47
 

ROMA, 18 maggio (Reuters) - Il ministero dell'Economia aspetta i dati dell'autotassazione di giugno per verificare ammanchi di gettito rispetto alle previsioni.

Lo dice il sottosegretario al Tesoro, Vieri Ceriani, commentando l'andamento delle entrate tributarie nel primo trimestre, che secondo la Ragioneria generale dello Stato sono inferiori di 4 miliardi rispetto alle nuove stime contenute nel Def, il Documento di economia e finanza pubblicato dal governo il 18 aprile scorso.

"È presto per dire se e di quanto sarà l'ammanco", ha detto Ceriani incontrando i cronisti a Via XX settembre.

"Le previsioni sull'intero anno possono acquisire attendibilità una volta incassata l'autotassazione a giugno. Solo a quel punto si riesce a fare proiezioni che abbiano una fondatezza. Prima è molto rischioso", ha aggiunto.

Nel Def il Tesoro ha ridotto la stima sul Pil del 2012 a -1,2% dal -0,4% di dicembre. Anche così, il bilancio di previsione del governo si basa su previsioni più ottimistiche rispetto a quelle degli altri principali previsori nazionali e internazionali.

In un'ininterrotta correzione al ribasso, la Commissione europea ha portato la proiezione sul prodotto interno lordo italiano a -1,4% per il 2012, -1,9% secondo il Fondo monetario internazionale, che mercoledì ha avvertito anche di possibili revisioni "al ribasso".

Ceriani ribadisce la posizione del governo che il peggioramento della congiuntura non renderà necessaria un'ulteriore manovra correttiva e dice che "anche il Fmi ci conforta".

A conclusione della consueta missione annuale ex Article IV, gli economisti di Washington hanno detto di ritenere "appropriata" la politica di bilancio seguita dall'Italia finora.

Il governo di Mario Monti si è impegnato a raggiungere nel 2013 il pareggio di bilancio in termini strutturali, cioè al netto del ciclo e delle una tantum.   Continua...