RPT-Lucchini, contatti con potenziali compratori, target deal in 2012 - Cfo

giovedì 17 maggio 2012 17:00
 

MILANO, 17 maggio (Reuters) - Il management di Lucchini punta a siglare un accordo preliminare per la cessione del gruppo prima dell'estate o poco dopo, con l'obiettivo di completare l'operazione entro l'anno.

E' quanto ha detto Maurizio Ria, chief financial officer della società siderurgica, intervenendo ad un convegno organizzato da Debtwire.

Dopo aver ricostruito la storia recente di Lucchini, culminata nell'accordo sulla ristrutturazione del debito , Ria ha ricordato che Alexei Mordashov "ha un'optione per cedere il 100% del capitale per un euro".

Dopo l'omologa del piano di ristrutturazione del debito da parte del tribunale, infatti, "è cominciato un percorso (per la vendita). I contatti con potenziali compratori sono in fase avanzata. L'obiettivo è siglare un accordo preliminare prima dell'estate o poco dopo, e chiudere l'operazione entro l'anno, se possibile".

Il management punta a vendere in blocco il gruppo, "ma stiamo ricevendo molte proposte di breakup".

Va ricordato che Lucchini ha già venduto Ascometal all'operatore di private equity Apollo per 335 milioni, una cessione indispensabile alla ristrutturazione del debito. Successivamente, è stata ceduta Bari Fonderie Meridionali alla ceca DT.

Il processo di ricerca di un compratore viene seguito da Rothschild.

Dopo la ristrutturazione, il debito residuo ammonta "a 600-650 milioni di euro". Il piano di rimborso concordato con le banche creditrici prevede un bullet nel 2017, ma, ha commentato Ria, è evidente che "la vendita si deve accompagnare ad una riflessione sul debito".

Il manager ricorda che il giudice del concordato e l'asseveratore del piano hanno fissato un paletto: ogni fine mese, in cassa la società siderurgica deve avere 130 milioni e "finora è sempre stato rispettato".   Continua...