PUNTO 1-Banche Italia, in primi mesi 2012 raccolta stentata - Sabatini

giovedì 17 maggio 2012 11:07
 

(aggiunge dichiarazioni su Ltro, andamento raccolta, agenzie di rating)

MILANO, 17 maggio (Reuters) - Pur positiva, la raccolta delle banche italiane da clientela privata continua ad essere molto stentata, perchè il sollievo portato dai finanziamenti a lungo termine della Bce è stato compensato dalle tensioni dei mercati e della crisi greca.

Lo ha detto il direttore generale dell'Abi Giovanni Sabatini nel corso di un convegno a Milano sugli effetti della crisi dei debiti sovrani sul funding bancario.

"Nei primi mesi del 2012 la raccolta bancaria da clientela privata, pur positiva, continua ad essere molto stentata. Grazie ai finanziamenti a lungo termine della Bce nei primi mesi del 2012 sembrava essersi aperta una finestra che le tensioni sui mercati e la crisi greca hanno richiuso" ha detto Sabatini.

Secondo quanto comunicato oggi dall'Abi, nel 2012 si concentra un ammontare di obbligazioni in scadenza pari a 137 miliardi di euro.

Sabatini ha spiegato che nel 2011 la raccolta bancaria è aumentata solo di 24 miliardi, ovvero l'80% in meno di quanto è cresciuta nel 2010.

Gli emittenti bancari hanno regisrato un costo crescente del proprio funding essendo quest'ultimo correlato al rischio sovrano del Paese di appartenenza, che è aumentato, si legge nella nota del'associazione.

Sabatini ha inoltre sottolineato come le due operazioni di finanziamento a tre anni della Bce (Ltro) abbiano creato qualche problema con gli "interlocutori non tecnici".

"La Ltro non è liquiditià aggiuntiva ma sostitutiva. Il fatto che non ci sia stato credit crunch è la dimostrazione che la liquidità Bce è stata utilizzata per non diminuire in modo drammatico il livello degli affidamenti" ha detto.   Continua...