May 9, 2012 / 2:27 PM / 5 years ago

PUNTO 1-Snam, Dpcm cessione quota Eni a Cdp probabile prossima settimana-fonte

3 IN. DI LETTURA

(Aggiunge background)

di Francesca Piscioneri

ROMA, 9 maggio (Reuters) - Potrebbe arrivare già la prossima settimana il decreto del presidente del Consiglio (Dpcm) che fissa i termini per la cessione da parte di Eni alla Cassa depositi e prestiti della maggior parte della quota del 52,5% detenuta in Snam Rete Gas.

Lo riferisce a Reuters una fonte vicina al dossier spiegando che la cessione avverrà a prezzi di mercato.

La fonte ha confermato che, come anticipato nei giorni scorsi dal ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera, l'ipotesi che sia Terna a rilevare la quota in Snam "è completamente tramontata".

"La deadline per la presentazione del Dpcm è il 30 maggio ma il governo ha intenzione di anticipare di molto quindi è probabile che il testo arrivi la prossima settimana", ha detto la fonte.

"La bozza di Dpcm prevede che Eni riduca la propria partecipazione in Snam e che la ceda alla Cdp a prezzi di mercato", ha aggiunto la fonte precisando che Eni ridurrà la quota "al punto di averne un minimo e che la maggior parte vada alla Cdp".

Il governo guidato da Mario Monti con il decreto sulle liberalizzazioni di inizio anno ha deciso che Eni ceda entro il settembre del 2013 la partecipazione del 52,5% detenuta in Snam per ridurre i costi del'energia e aumentare la concorrenza.

Cdp detiene il 26,4% di Eni e il Tesoro circa il 4%.

Ieri, nel corso dell'assemblea dei soci, l'Ad di Eni, Paolo Scaroni, ha detto di non essere preoccupato dalle modalità con cui il governo procederà a regolare la separazione societaria di Snam. "La cessione non deve avvenire senza tutelare azionisti di Eni e di Snam. Dobbiamo uscire dalla dismissione più forti e non più deboli di prima per finanziare investimenti che solo in Italia saranno 8 miliardi nei prossimi quattro anni", ha detto.

Secondo il manager, Eni dovrebbe incassare con l'operazione circa 7 miliardi e ridurre il proprio indebitamento di altri 11 miliardi.

Il progetto di Scaroni, che ufficialmente non si è ancora espresso, prevede che Cdp rilevi una quota sotto il 30% di Snam attraverso diversi passaggi intermedi: annullamento delle azioni proprie di Eni, che porterebbe Tesoro e Cassa al 33,4% del capitale, quindi cessione della quota eccedente il 30% da parte della Cassa e con i proventi acquisto del 12% di Snam da Eni, con un successivo acquisto di un ulteriore 16% di Snam. Per ridurre l'esborso, la Cassa potrebbe pensare a conferire in Snam il gasdotto Tag di recente rilevato da Eni.

Eni potrebbe vendere la rimanente quota di circa il 20% su mercato.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below