PUNTO 2- La Grecia entra in pericolosa turbolenza dopo elezioni

lunedì 7 maggio 2012 17:30
 

(aggiorna con dettagli)

ATENE, 7 maggio (Reuters) - La Grecia è in agitazione dopo che le urne hanno sconfessato il piano di salvataggio internazionale e non è certo che il paese riuscirà ad evitare la bancarotta e rimanere nell'euro.

Il presidente Karolos Papoulias ha conferito un mandato di tre giorni per formare un governo ad Antonis Samaras, il leader dei conservatori di Nuova democrazia, il partito che ha ottenuto ieri il maggior numero di voti, ma non si vedono al momento chance di successo.

Sia Nuova democrazia che i socialisti del Pasok sono usciti con le ossa rotte dai seggi, dove i greci hanno votato contro i due tradizionali partiti di governo che hanno imposto una dura austerità economica in cambio dei fondi internazionali per evitare il default dello Stato.

Insieme non hanno in Parlamento i seggi sufficienti per formare una coalizione e stanno già corteggiando una serie di partiti che hanno preso voti grazie all'opposizione al piano di salvataggio Ue-Fmi.

Un primo no all'ipotesi di un governo a guida Samaras è arrivato oggi dal leader della Sinistra democratica, che ha escluso un alleanza con i due maggiori partiti, mentre si è detto disponibile a cooperare con tutta la sinistra.

Anche i conservatori secessionisti di Greci indipendenti, hanno rifiutato di intavolare colloqui con Samaras.

Il leader dei socialisti, Evangelos Venizelos ha lanciato oggi un appello per una coalizione pro Europa per tenere il Paese nella zona euro e ha ribadito che i termini del piano di salvataggio devono essere rinegoziati per alleggerire il fardello sui greci.

Ma di fronte a quella che appare come una impasse, l'unica via percorribile sembra un nuovo ricorso alle urne nel giro di poche settimane, il che aggrava i dubbi sul futuro della Grecia.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia dubbi sul futuro della Grecia.