Svizzera, non ci sono ancora condizioni per accordo-Tesoro

giovedì 3 maggio 2012 19:41
 

ROMA, 3 maggio (Reuters) - Non ci sono ancora le condizioni per un accordo fiscale con la Svizzera.Il requisito affinché l'Italia cominci a discutere "è il rispetto puntuale del trattato" sui lavoratori transfrontalieri.

Lo dice il sottosegretario al Tesoro Vieri Ceriani negando colloqui in corso con Berna per siglare intese sul modello di quelle raggiunte da Gran Bretagna e Germania.

"L'unica posizione presa è di chiedere alla Svizzera il rispetto del Trattato del 1974", ha ribadito Ceriani contestando il fatto che il Canton Ticino abbia smesso di retrocedere ai comuni di frontiera il gettito riscosso sul reddito degli italiani che lavorano in Svizzera.

Lo schema di accordo siglato con Gran Bretagna e Germania, se esteso all'Italia, attribuirebbe alla Svizzera il ruolo di sostituto di imposta per lo Stato italiano. I contribuenti italiani con attivi in Svizzera pagherebbero un'imposta su redditi e utili da capitali che verrebbe versata al fisco italiano. Il tutto continuando a mantenere l'anonimato.

Il governo di Mario Monti si è mostrato finora freddo perché il concordato contiene anche un condono sulle imposte evase nel passato e non è chiaro quanto sia conforme alla normativa comunitaria.

"Questo è un aspetto su cui bisognerà fare delle valutazioni", si limita a dire Ceriani a proposito della sanatoria che l'accordo bilaterale comporterebbe.

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia