Telco, rifinanziamento con equity, bond e linee credito-Micciché

giovedì 3 maggio 2012 11:46
 

MILANO, 3 maggio (Reuters) - Il consiglio odierno di Telco, holding che detiene la quota di riferimento di Telecom Italia , chiuderà il rifinanziamento del debito per complessivi 3,4 miliardi di euro attraverso aumento di capitale, nuovi bond e linee di credito.

Lo ha detto Gaetano Micciché, direttore generale di Intesa Sanpaolo, a margine di un convegno.

Telco detiene il 22,4% circa di Telecom Italia ed è partecipata da Telefonica con il 46,18% del capitale, Mediobanca e Intesa Sanpaolo con l'11,62% ciascuno e il gruppo Generali con il 30,58%.

"Oggi c'è un consiglio di Telco, si chiude il rifinanziamento. Verrà fatto in parte con nuova equity della società, in parte con nuovi bond sottoscritti dagli azionisti, in parte con linee di credito da parte delle banche", ha detto Micciché, che non ha dato dettagli sui rispettivi importi.

L'AD di Generali nei giorni scorsi ha detto che Telco avrebbe proceduto a un aumento di capitale.

A inizio febbraio alcune fonti hanno detto a Reuters che in caso di taglio del dividendo Telecom Italia del 25% (che si è poi realizzato) era necessario un intervento significativo dei soci, attraverso un aumento o un bond da loro sottoscritto.

Oggi indiscrezioni stampa ipotizzano un aumento da 600 milioni, un'estensione della scadenza del bond sottoscritto due anni fa a 1,6-1,7 miliardi (prevista nel regolamento del bond) e il resto, circa un miliardo, finanziato da un pool di banche.

(Sabina Suzzi)   Continua...