Btp chiudono misti, pressioni su Germania, tasso Bund sopra 2%

venerdì 16 marzo 2012 17:29
 

MILANO, 16 marzo (Reuters) - I Btp archiviano con
andamento misto una seduta che sembra riflettere le incertezze
sull'immediato futuro e ampliare ai 'core' i dubbi sul rischio.	
    "La giornata ha visto una certa pressione sul Bund, il
mercato inizia a capire che il concetto di 'safe heaven' è
piuttosto labile e che al rischio delle periferie non sono
immuni i paesi 'core' che però hanno anche il problema di
rendere molto meno" dice un trader. "I titoli con tassi così
bassi, con ad esempio un decennale sotto il 2%, sono quasi senza
valore". 	
    E in effetti si sono viste pressioni sul Bund in seduta, con
il tasso sul decennale tedesco che ha infranto al rialzo la
soglia dei 2% fino a rendere in seduta un massimo di 2,072%
mentre lo spread Italia/Germania sul tratto 10 anni si è
ridotto, scendendo sotto i 280 punti base, a 276, il minimo dal
18 agosto scorso. 	
    Anche l'andamento dei Treasuries è rimasto decisamente
improntato al ribasso specie dopo la pubblicazione degli ultimi
dati macro sull'inflazione Usa di febbraio.    	
    Guardando alla settimana, la performance dell'Italia è stata
buona, la chiusura del piano di concambio sui bond greci ha
certamente determinato un rinnovato ottimismo, ma non una vera
esplosione di fiducia che d'altra parte non era attesa.	
    L'Italia mantiene il suo vantaggio sulla Spagna in termini
di rendimento, con lo spread che a dire dei trader favorisce il
paese col deficit maggiormente sotto controllo. 	
    "L'Italia continua a fare meglio della Spagna, che pure
riduce in spread con la Germania, e credo che vedremo il
permanere di questa tendenza" dice un'altra trader.    	
    Alle 17,30 circa il rendimento del decennale italiano è a
4,870% mentre il corrispettivo spagnolo rende
5,207% per uno spread di 33,7 punti base con lo spazio, secondo
gli operatori, per un ulteriore allargamento anche fino in area
50 punti base.	
    Ieri la Bce, nel suo bollettino mensile, ha sottolineato i
progressi nella dinamica dello spread italiano. 	
    "Tra i paesi dell'area dell'euro infatti l'Italia ha
riportato il maggiore restringimento dei differenziali di
rendimento sulle obbligazioni sovrane (-166 punti base)
nonostante il suo declassamento da parte delle tre principali
agenzie di rating", si legge nel documento.  	
    	
    	
     	
============================ 17,30 ============================ 	
 FUTURES BUND GIUGNO       135,50   (-0,99)            	
 FUTURES BTP GIUGNO        106,77   (+0,03)            	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  100,300  (-0,045) 2,070%    	
 BTP 10 ANNI (MAR 22) 101,469  (+0,026) 4,870%    	
 BTP 30 ANNI (SET 40)  92,016  (-0,521) 5,638%    	
        	
========================= SPREAD (PB)========================== 
                                                 	
                                                ULTIMA CHIUSURA 	
TREASURY/BUND 10 ANNI    26              31   	
BTP/BUND 2 ANNI           174             177  	
BTP/BUND 10 ANNI        282             290     	
 livelli minimo/massimo             276,0-287,5     284,1-292,8 
 	
BTP/BUND 30 ANNI        294             297  	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    280,0           282,4   
 	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                    76,8            72,9 	
================================================================	
    	
 
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia