Sat, fusione con Aeroporto Firenze ha potenzialità enormi - AD

mercoledì 14 marzo 2012 17:51
 

FIRENZE, 14 marzo (Reuters) - In una eventuale fusione tra gli aeroporti di Firenze e Pisa ci sarebbero potenzialità enormi.

E' l'opinione dell'amministratore delegato di Sat (la società che gestisce l'aeroporto di Pisa), Gina Giani, che ha parlato con i giornalisti a margine della presentazione dei dati di bilancio 2011.

"Sono due belle società quotate, producono utili", ha sottolineato Giani. "Le potenzialità sono enormi, ma le aziende sono dei loro azionisti, la parola spetta a loro".

L'ipotesi di integrazione tra Sat e AdF, le società che gestiscono gli scali di Pisa e Firenze, è tornata d'attualità dopo che, nei giorni scorsi, la Regione Toscana ha acquistato da Banca MontePaschi il 4,9% del capitale di Aeroporto di Firenze.

Il presidente della Regione, Enrico Rossi, è da sempre favorevole alla fusione tra le società. La linea della Regione è stata ribadita dall'assessore ai Trasporti, Luca Ceccobao: "I due aeroporti si possono integrare benissimo. La Regione è un azionista pubblico interessato allo sviluppo infrastrutturale e alla capacità attrattiva del sistema aeroportuale toscano. Si deve costruire un sistema e questa è la nostra missione".

Per quanto riguarda l'aeroporto di Firenze, Ceccobao ha spiegato che la quota detenuta dalla Regione potrà crescere ancora: "Il Consiglio ci ha autorizzato ad acquisire fino al 15%, questo scenario rimane aperto".

Sull'ipotesi di investimenti cinesi nello scalo pisano, Giani ha spiegato che il vettore China Eastern - che da tempo dovrebbe istituire un collegamento diretto tra Pisa e Shangai - ha un atteggiamento "cauto" a causa della situazione italiana.

"Secondo me, ci sono delle possibilità per il 2013, ma bisogna anche che riprenda un po' l'economia", ha detto Giani. "La rotta è interessante, però, poi, dire al proprio capo di andare in un Paese in cui non si sa se pagherà in lire o in euro, che non si sa se salterà per aria o no, è difficile. Penso che l'interesse da parte del vettore ci sia, ma chi investe in italia ha bisogno di ricevere certezze".

L'ultimo incontro fra l'AD di Sat e i rappresentanti di China Eastern, secondo quanto ha riferito Giani, risale al mese di ottobre.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia