Fisco, per garante privacy "strappi forti" a stato diritto su lotta evasione

martedì 13 marzo 2012 14:08
 

ROMA, 13 marzo (Reuters) - Il garante della privacy ha detto oggi che la politica di lotta all'evasione fiscale condotta dal governo Monti comporta "strappi forti allo stato di diritto", e si è augurato che si tratti solo di una "fase di emergenza", altrimenti, ha avvertito, aumenterebbe lo "spread di democrazia" tra Italia e altri paesi.

In un discorso pronunciato oggi al Senato in occasione del termine del proprio mandato a capo dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali, Francesco Pizzetti ha criticato quello che ha definito "il rischio di trasparenza amministrativa senza limiti" per contrastare l'evasione fiscale.

Il garante ha segnalato "la richiesta sempre più massiccia da parte delle strutture pubbliche che combattono la lotta all'evasione o le illeicità nei settori della previdenza e dell'assistenza sociale, di poter accedere ai dati personali dei cittadini", come peraltro previsto dalla manovra finanziaria del dicembre scorso.

Pizzetti ha riconosciuto che si tratta di un "fenomeno legato alla particolare situazione del Paese", ma ha avvertito: "Dobbiamo però essere consapevoli che siamo in presenza di forti strappi allo Stato di diritto e al concetto di cittadino che ne è alla radice".

Per Pizzetti l'attuale trend nella lotta all'evasione - con l'Agenzia delle entrate impegnate in sempre più frequenti e spettacolari operazioni contro i commercianti che non rilasciano ricevute fiscali - "non può non preoccupare se fosse destinato a durare a lungo in lungo".

I cittadini non sono dei "potenziali mariuoli", ha detto Pizzetti, un giurista di 65 anni a capo dell'autorità dal 2005: "In uno stato democratico, il cittadino ha il diritto di essere rispettato fino a che non violi le leggi, non di essere un sospettato a priori".

Dunque, quella attuale deve essere una "fase di emergenza dalla quale uscire al più presto", ha ammonito il garante. "Se così non fosse - ha detto, echeggiando le parole di qualche giorno fa del premier Mario Monti - anche lo spread fra democrazia italiana e democrazie occidentali sarebbe destinato a crescere".

(Massimiliano Di Giorgio)

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia