Eurobond sono un'opzione se regole sono rafforzate - Knot (Bce)

lunedì 12 marzo 2012 15:29
 

FRANCOFORTE, 12 marzo (Reuters) - I Paesi della zona euro potrebbero emettere obbligazioni congiunte dopo il rafforzamento della governance economica comune, che comprenda l'istituzione anche di un'autorità di vigilanza indipendente. E' l'opinione del consigliere Bce Klaas Knot.

In un intervento sulla newsletter Omfif, Knot, governatore della banca centrale olandese e considerato un falco all'interno del consiglio della Bce, sostiene che i governi dovrebbero agire "il più velocemente possibile" per accrescere la dimensione del fondo europeo di salvataggio.

Un più severo rafforzamento delle regole comuni di bilancio è necessario, aggiunge Knot, proponendo l'istituzione europea che possa intervenire in caso di violazione delle regole.

"Se - e solo se - queste condizioni verranno raggiunte, misure di indebitamento mutuali per i governi Emu attraverso gli eurobond potrebbero essere un'opzione seria" afferma Knot.

"Questi potrebbero evitare che un problema di liquidità in un paese della zone euro possa inutilmente trasformarsi in un problema di solvenza. Inoltre, essi potrebbero rappresentare una barriera anti-incendio contro il rischio di contagio" prosegue Knot.

Secondo il banchiere centrale, emissioni di obbligazioni congiunte dell'area euro non sono adeguate come strumento in un momento di crisi, ma potrebbero offrire "una luce alla fine del tunnel" per la gente dei Paesi colpiti dalla crisi.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia