7 marzo 2012 / 16:33 / tra 6 anni

PUNTO 3-Prysmian, Ebitda adj 2011 sopra guidance, dividendo 0,21 euro

(Accorpa pezzi)

MILANO, 7 marzo (Reuters) - Prysmian archivia il 2011 con margini superiori alle attese e un calo oltre le previsioni dell‘indebitamento finanziario netto, ma gli accantonamenti e gli altri oneri straordinari spingono il risultato netto in rosso.

I ricavi hanno registrato una crescita organica dell‘11,2%, a 7,583 miliardi di euro, mentre l‘Ebitda adjusted è salito del 46,8%, a 568 milioni. La guidance del produttore di cavi sull‘Ebitda adjusted si attestava a 555 milioni.

L‘utile netto adjusted è cresciuto del 33,5%, a 231 milioni. Il Cda proporrà all‘assemblea la distribuzione di un dividendo di 0,21 euro per azione, per un ammontare complessivo di circa 44 milioni di euro. Il dividendo sarà posto in pagamento a partire dal prossimo 26 aprile, con stacco cedola il 23 aprile.

Al lordo degli oneri non ricorrenti e straordinari - che ammontano a 376 milioni, di cui 205 milioni relativi all‘accantonamento per il rischio legato alle indagini antitrust in corso - Prysmian ha registrato una perdita di 145 milioni.

Il portafoglio ordini è salito a 2,3 miliardi (dato a fine febbraio), mentre l‘indebitamento finanziario netto è sceso a 1,064 miliardi, rispetto agli 1,389 miliardi al 30 settembre scorso e al target 2011 di 1,2-1,3 miliardi indicato dall‘AD Valerio Battista in un‘intervista di alcuni mesi fa.

La riduzione del debito, balzato nel 2011 per effetto dell‘acquisizione dell‘olandese Draka, è dovuto alla generazione di cassa: il cash flow combined è stato pari a 209 milioni.

Nel corso della conference call di presentazione dei risultati, Battista ha sottolineato che l‘attuale livello di leverage, pari a 1,8 volte, pur essendo “ragionevole... è ancora elevato, mi piacerebbe un livello di circa 1 volta”.

Il consensus degli analisti, secondo le stime raccolte da Thomson Reuters Ibes, parlava di vendite pari a 7,514 miliardi, un Ebitda adjusted di 558 milioni, un Ebit adjusted di 387 milioni (il dato reale è di 426 milioni), un utile netto adjusted di 221 milioni e una posizione finanziaria netta negativa per 1,269 miliardi.

EBITDA ADJUSTED 2012 VISTO AD OLTRE 600 MILIONI

Commentando i risultati, Battista sottolinea la “forte generazione di cassa” e il “netto miglioramento degli indicatori fondamentali”, che “ci consentono di guardare con sufficiente serenità all‘evoluzione dell‘anno in corso”. Inoltre, “il processo di integrazione con Draka è stato portato avanti in maniera rapida ed efficace, consentendo di realizzare già nel corso dell‘esercizio appena chiuso sinergie significative”.

Nel 2011, si legge nella nota, sono state realizzate sinergie leggermente superiori alle aspettative (13 milioni, rispetto ai 10 milioni inizialmente previsti), “rafforzando ulteriormente la fiducia nel raggiungimento del target complessivo previsto di 150 milioni annui a regime (entro il 2015)”.

Per quanto riguarda il 2012, Prysmian prevede “una sostanziale stabilità della domanda nel business dei cavi a media tensione per le utilities, dei cavi per le costruzioni e nei prodotti del segmento Industrial più esposti agli andamenti ciclici del mercato”. Buone prospettive, invece, per i “business ad alto valore aggiunto della trasmissione di energia, energie rinnovabili, Oil&Gas offshore e nei cavi in fibra ottica destinati ai principali operatori del settore Telecom”. Nel corso del 2012, Prysmian “proseguirà nel processo di integrazione delle attività di Draka... con l‘obiettivo di rafforzare ulteriormente la presenza in tutti i segmenti di attività e raggiungere le sinergie di costo previste”.

Nel corso della conference call, Battista è entrato nel dettaglio della previsione sull‘Ebitda adjusted. “Daremo la guidance con i risultati del primo trimestre”, ha spiegato l‘AD. “Alla fine del terzo trimestre c‘erano segnali preoccupanti sull‘evoluzione della crisi del debito. Non siamo fuori dalla bufera, ma il quarto trimestre ci fa essere un po’ più ottimisti. Il mercato si sta stabilizzando, non si può dire che riprenda. Sono ragionevolmente fiducioso”, ha aggiunto Battista, “che saremo in grado di confermare le indicazioni sui numeri che avevamo dato in passato, ovvero un Ebitda adjusted oltre 600 milioni di euro”.

Rispondendo ad una domanda nel corso della conference, il manager ha affermato che è ragionevole pensare che il dividendo sull‘esercizio 2012 di Prysmian verrà aumentato. “Se le attese sui risultati verranno confermate, credo che sia ragionevole pensare ad un aumento del dividendo”, ha detto Battista, facendo riferimento alla politica di payout applicata negli anni scorsi.

CHIUSURA DI SEI IMPIANTI, FOCUS SU MERCATI EMERGENTI

Prysmian prevede di chiudere sei impianti produttivi entro il primo trimestre del 2013, tra cui “uno in Italia”, ha affermato l‘AD nel corso della conference call. “Ci sono negoziazioni in corso con i sindacati”.

Dal punto di vista strategico, Prysmian sottolinea il peso crescente dei mercati emergenti, che a fine 2011 sono arrivati a pesare per circa il 30% delle vendite totali. “Il livello di marginalità dei mercati emergenti è simile a quello dei paesi sviluppati”, ha spiegato Battista nel corso della conference call.

Il Cda ha deliberato di presentare una lista di candidati alla carica di amministratore, in vista dell‘assemblea chiamata a rinnovare il consiglio.

Il Cda, inoltre, ha deciso di richiedere alla prossima assemblea ordinaria, prevista in unica convocazione il 18 aprile, l‘autorizzazione ad avviare un programma di acquisto e disposizione di azioni proprie. Il programma prevede la possibilità di procedere all‘acquisto, da effettuarsi in una o più volte, di un numero di azioni che non superino complessivamente il 10% del capitale sociale.

Tonico sin dalle prime battute a Piazza Affari, il titolo Prysmian ha frenato un po’ dopo la pubblicazione dei conti, chiudendo in rialzo dell‘1,63%, a 13,1 euro, dopo aver segnato un massimo di 13,37 euro.

Per leggere il comunicato integrale, i clienti Reuters possono cliccare su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below