Btp chiudono in rialzo, ulteriore restringimento differenziali

giovedì 1 marzo 2012 17:41
 

MILANO, 1 marzo (Reuters) - Il secondario italiano
archivia in rialzo un'altra seduta condotta nel segno della
forza, con l'effetto benefico dell'iniezione di liquidità
effettuata ieri dalla Bce nel sistema che ha favorito i mercati
periferici del debito e in primo luogo proprio l'Italia.	
    "L'Italia è il paese che fa meglio", dice una trader. "Gli
spread sono tutti in riduzione e l'effetto dell'operazione di
ieri della Bce è ben visibile".    	
    L'Italia fa quindi meglio della Spagna, e la tendenza, in
corso da qualche tempo, è particolarmente visibile sul tratto
breve. 	
    "Superato brillantemente lo scoglio delle aste, l'Italia
continua a fare bene, meglio della Spagna. Non è solo il
primario a determinare questa sovraperformance, ma anche fattori
di carattere fondamentale come la revisione al rialzo delle
stime di deficit 2011", dice la trader.	
   Il tasso del decennale italiano è sceso sotto il 5% fino a un
minimo di 4,920%. Il 10 anni spagnolo continua tuttavia a
rendere meno di quello italiano, e attorno alle 17,30 viaggia
attorno a 4,885%, sebbene lo spread abbia mostrato
una significativa riduzione. Il 2 anni di Madrid rende invece
più di quello italiano, sopra il 2% e attorno alle
17,30 è a 2,284% a fronte di un tasso del biennale italiano
sotto il 2% a 1,797% con un minimo a 1,730%. 	
    La Spagna è stata oggi attiva sul fronte del primario sul
tratto breve, collocando 4,5 miliardi di titoli 2014, 2015, 2016
con tassi in calo.	
       	
   SPREAD CON GERMANIA PRECIPITANO A MINIMI DI MOLTI MESI	
   Lo spread fra i decennali di riferimento italiano e tedesco
 si è spinto fino a un minimo di 305 punti base,
al minimo dal primo settembre, e lo spread fra i titoli a 2 anni
è sceso fino a sotto 155 punti base, a 152, ai
minimi da luglio 2011. In novembre lo spread fra i titoli a 2
anni italiano e tedesco aveva toccato i 779 punti base intraday.	
    Gli istituti di credito della zona euro hanno chiesto e
ottenuto 530 miliardi di euro nella nuova operazione di
rifinanziamento Bce a tre anni effettuata ieri e con regolamento
oggi. Hanno presentato richiesta di fondi 800 banche. Il
risultato è superiore alle attese e all'importo collocato a fine
dicembre pari a 489 miliardi.	
       	
========================= 17,30 ==============================  	
 FUTURES BUND MARZO        139,26   (-0,63)          	
 FUTURES BTP MARZO         108,17   (+2,02)           	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  100,740  (+0,680) 1,797%  	
 BTP 10 ANNI (MAR 22) 100,779  (+1,782) 4,960%   	
 BTP 30 ANNI (SET 40)  91,948  (+1,799) 5,643%   	
      	
========================= SPREAD (PB)===========================
 	
                                                 ULTIMA CHIUSURA
 	
TREASURY/BUND 10 ANNI   19,3           17,3	
BTP/BUND 2 ANNI           153             200  	
BTP/BUND 10 ANNI        309             339   	
 livelli minimo/massimo              305,2-337,5     334,6-350,7
 	
BTP/BUND 30 ANNI        317             336  	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    316,3           301,6   	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                    68,3            58,1 	
================================================================
 	
    	
    
Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia