PUNTO 1-Debiti Pa, si lavora su direttiva Ue ma ci sono vincoli di bilancio-Passera

mercoledì 29 febbraio 2012 16:04
 

(Impagato a imprese italiane pari a 100 mld) (Aggiunge altre dichiarazioni)

BRUXELLES, 29 febbraio (Reuters) - Il ministro per lo Sviluppo economico Corrado Passera ha confermato l'impegno del governo a risolvere la questione dei crediti delle aziende ancora non pagati dalla pubblica amministrazione, ma ha sottolineato che bisogna tener conto dei vincoli di bilancio.

Il ministro ha stimato in 100 mld i crediti totali vantati dalle imprese, tra Pa e privati. "L'obiettivo del governo è di fare in modo che questi debiti vengano riassorbiti", ha detto.

Passera si trova a Bruxelles alla Commissione europea per un incontro con il vice presidente e commissario agli Affari economici, Olli Rehn, e con il commissario all'Energia, Günther Oettinger.

"Il nostro impegno è di adottare la direttiva sui pagamenti in anticipo rispetto ai termini europei. Ma una cosa è il privato, un'altra cosa è il pubblico", ha detto Passera rispondendo ai giornalisti.

Il ministro ha spiegato i diversi tempi dei pagamenti motivandoli con il fatto che "per il pubblico bisogna tener conto nell'adozione di questa direttiva dei vincoli e degli impegni di equilibrio della finanza pubblica che il governo ha preso nei confronti dei cittadini e dell'Europa".

Passera ha aggiunto che "c'è un grande impegno da parte nostra a risolvere il problema dell'impagato. Sappiamo che è di grandissima importanza. Ma deve essere compatibile con gli obiettivi di bilancio".

I fornitori della pubblica amministrazione italiana vantano crediti stimati fra i 60 e i 70 miliardi.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia