Btp in rialzo, atteso p/t Bce dopo buone aste Italia

martedì 28 febbraio 2012 17:48
 

MILANO, 27 febbraio (Reuters) - I Btp archiviano in
rialzo la seduta di oggi, segnata da un nuovo successo alla
prova più significativa sul campo del primario, le aste a
medio-lungo di stamane che hanno registrato un abbattimento dei
rendimenti, dopo il soddisfacente esito dei collocamenti a breve
di ieri. 	
    Il mercato guarda adesso al finanziamento a tre anni della
Bce di domani, il secondo dopo quello dello scorso dicembre.
Secondo l'ultimo sondaggio, la Bce offrirà al
mercato fondi per circa 500 miliardi. Il mercato si aspetta che
questi fondi andranno a sostenere ulteriormente i titoli di
Stato italiani e spagnoli. 	
    "Ma è tutto da vedersi, perché il range delle stime fra gli
operatori è talmente ampio da non fornire realmente un
orientamento definito", dice un trader italiano. "L'andamento
del mercato da gennaio rivela tuttavia che è stato compreso il
senso delle azioni della Bce e che gli investitori hanno
ragionevolmente iniziato a reagire positivamente alle operazioni
dell'istituto centrale".	
     Un sostegno fondamentale al titolo a 5 anni in asta oggi è
arrivato proprio dall'attesa del secondo finanziamento a tre
anni della Bce. Questi fondi favoriscono la parte breve della
curva, su cui gli investitori concentrano l'impiego della
liquidità.	
    "Le aste hanno segnato un marcato calo dei rendimenti,
specie sul 5 anni, la domanda per il quale è stata sostenuta
anche dal repo della Bce di domani" ha detto Chiara Manenti, di
Intesa SanPaolo.	
    L'attenzione degli investitori non è stata tuttavia distolta
dal nuovo decennale.	
     "Un risultato positivo, considerando che è stato collocato
il massimo dell'importo con un soddisfacente rapporto tra
domanda e offerta su entrambe le scadenza", ha detto Richard
Mcguire di Rabobank sulle aste. "Se il finanziamento Bce a tre
anni in agenda domani si è rivelato ampiamente positivo per la
parte breve della curva italiana, questo non è avvenuto a
scapito del tratto più lungo".	
    Il Tesoro ha collocato titoli a cinque e dieci anni per 6,25
miliardi di euro in totale, al massimo del range. Il nuovo Btp
decennale 1 settembre 2022 è stato assegnato per 3,75 miliardi
su una forchetta con un rendimento a 5,50%, minimo da agosto
2011, dal 6,08% di fine gennaio sul precedente benchmark. La
terza tranche del cinque anni maggio 2017 è stata collocata per
2,5 miliardi al rendimento di 4,19%, minimo da maggio 2011, dal
5,39% di fine gennaio.	
    	
========================= 17,30 ==============================  	
 FUTURES BUND MARZO       140,03   (+0,28)          	
 FUTURES BTP MARZO        104,89   (+0,70)           	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  99,621  (+0,438) 2,498%  	
 BTP 10 ANNI (MAR 22) 97,740  (+0,546) 5,363%   	
 BTP 30 ANNI (SET 40) 88,429  (+0,527) 5,922%   	
      	
========================= SPREAD (PB)===========================
 	
                                                 ULTIMA CHIUSURA
 	
TREASURY/BUND 10 ANNI   12,9           11,3	
BTP/BUND 2 ANNI           231             255  	
BTP/BUND 10 ANNI        357             363   	
 livelli minimo/massimo              351,0-360,7     358,7-370,6
 	
BTP/BUND 30 ANNI        352             354  	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    286,5           269,2   	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                    55,9            51,8 	
================================================================
 	
    	
    (Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02
66129655, Reuters messaging:
irene.chiappisi.reuters.com@reuters.net) 
Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia