Italia conferma pareggio in 2013, nessuna manovra aggiuntiva - Monti

giovedì 23 febbraio 2012 14:04
 

ROMA, 23 febbraio (Reuters) - Le stime della Commissione europea sul Pil italiano per l'anno in corso, visto in calo dell'1,3%, non modificano l'obiettivo del pareggio di bilancio nel 2013 né rendono necessaria una manovra aggiuntiva sui conti pubblici, secondo il presidente del Consiglio, Mario Monti.

"La previsione di oggi [della Commissione Ue] non è una sorpresa. Si pongono due quesiti: occorre una nuova manovra per conseguire obiettivo, che confermiamo, del bilancio in pareggio nel 2013? No", ha detto Monti nel corso di una conferenza stampa a Roma con il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy.

"Abbiamo costruito dei margini prudenziali; resta fermo l'obiettivo del bilancio in pareggio nel 2013, già assunto dal precedente governo, e non occorre una manovra", ha precisato.

La secondo domanda, secondo il premier, è: "Cambieranno le politiche strutturali per la crescita? No".

Per Monti concorreranno a rafforzare la crescita in Italia le liberalizzazioni che il governo sta mettendo a punto. "Non vediamo ragioni per iniettare ulteriori elementi per favorire la crescita", ha aggiunto.

Bene anche la riduzione dei tassi di interesse sul debito "anche se non velocemente come vorremmo" e il dato sulla fiducia dei consumatori in febbraio che ha rappresentato, per Monti "una piacevole sorpresa".

Infine sulle pressioni delle lobby in Parlamento in tema di liberalizzazioni Monti dice: "Ci saranno modifiche che possiamo accogliere, e non tutte sono un arretramento, e altre che non accoglieremo".

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia