Btp in calo su Grecia, spread balza a 410 poi ripiega sotto 400

giovedì 16 febbraio 2012 12:21
 

MILANO, 16 febbraio (Reuters) - Btp in calo
sull'ipotesi di un ulteriore rinvio del secondo pacchetto di
aiuti alla Grecia che mantiene vivo il rischio di un default
disordinato di Atene, se non verrà trovata una soluzione in
tempo per provvedere al pagamento di un bond in scadenza il mese
prossimo.	
    Il calo del secondario italiano è ancora tuttavia contenuto
entro margini che, secondo alcuni operatori, potrebbero definire
un movimento di prese di profitto dopo i recenti rialzi. 	
    "Sono le conseguenze degli sviluppi delle questione greca,
delle notizie sui possibili ritardi o annullamento dei
finanziamenti" dice Alessandro Giansanti, strategist di Ing.
"Tuttavia il calo è al momento contenuto entro limiti che mi
spingono a definirlo come una 'presa di profitto' dopo i recenti
rally, e lo stesso, mi sento di dire, vale per la Spagna".	
    Il differenziale fra i decennali di riferimento italiano e
tedesco ha toccato stamane a toccare i 411 punti base, massimo
dallo corso 2 gennaio, quando aveva toccato i 417 punti base.
Poi ha ripiegato poco sotto area 400. Il Bund resta molto
sostenuto, con il futures che si è spinto al massimo di seduta
di 139,55.	
    Il decennale tedesco è arrivato in seduta a
rendere il minimo di 1,819%. 	
    "Sembra che il rendimento dell'1,75% nel decennale (tedesco)
sia il target più probabile adesso che questa questione greca si
protrae e con i tedeschi che stanno ancora opponendo una certa
resistenza" ha detto un trader.	
   I Bund sono stati in territorio positivo tutto il giorno ma
il rally ha ripreso energia dopo le aste di Spagna e Francia. 	
   La Francia ha assegnato ben 8,45 mld Btan 2014, 2015 e 2017
. Il Tesoro spagnolo ha collocato stamane in asta
4,074 miliardi di tre titoli 2015 e 2019. Il tasso medio è
risultato in calo tranne che per il luglio 2015 e la domanda si
è mostrata solida. 	
    "Non è stata eccezionale in termini di prezzo, ma ha
collocato oltre 4 miliardi, sulla parte alta della forchetta e
la domanda è stata molto buona" dice Giansanti.	
    In rialzo i Cds di Italia, Spagna e Portogallo. Secondo i
dati Markit il costo per assicurare il debito italiano contro il
default è salito, con il Cds che ha toccato i 394 punti base.	
	
========================== 12,20 ===============================
 	
 FUTURES BUND MARZO       139,36   (+0,27)           	
 FUTURES BTP MARZO        101,05   (-0,57)           	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  98,362  (-0,148) 3,274%  	
 BTP 10 ANNI (MAR 22) 94,500  (-0,447) 5,810%   	
 BTP 30 ANNI (SET 40) 85,588  (-0,752) 6,160%   	
      	
========================= SPREAD (PB)===========================
 	
                                                 ULTIMA CHIUSURA
 	
TREASURY/BUND 10 ANNI   9,0             6,6	
BTP/BUND 2 ANNI           308             295  	
BTP/BUND 10 ANNI        397             389   	
 livelli minimo/massimo              397,0-410,8     365,3-390,1
 	
BTP/BUND 30 ANNI        372             362  	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    253,6           281,4   	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                    35,0           34,9  	
================================================================
 	
    	
    (Elvira Pollina)	
  	
    
 
Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia