Corte Conti: su corruzione e malaffare ancora molto da scoprire

giovedì 16 febbraio 2012 12:07
 

ROMA, 16 febbraio (Reuters) - L'illegalità, la corruzione e il malaffare sono fenomeni ancora notevolmente presenti nel Paese, le cui dimensioni sono di gran lunga superiori a quelle che vengono, spesso faticosamente, alla luce.

Lo ha detto oggi il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, nel discorso di inaugurazione dell'anno giudiziario, illustrando i campi in cui è impegnata la magistratura contabile.

Nella mappa delle illegalità che che direttamente danneggiano le finanze pubbliche Gianpaolino ha citato "la corruzione, i comportamenti posti in essere nell'esercizio dell'attività sanitaria, l'errata gestione dei servizi di smaltimento dei rifiuti, l'illecita percezione di contributi pubblici o comunitari, il gravemente colposo utilizzo di strumenti derivati o simili prodotti finanziari, i danni connessi alla costituzione e gestione di società a partecipazione pubblica, la responsabilità per danni connessi alla stipula di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, i pregiudizi erariali conseguenti ad errori nella gestione del servizi di riscossione dei tributi".

(Redazione General News Roma +3906 85224380, fax +3906 8540860, Reutersitaly@thomsonreuters.com) -- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia