Italia, Moody's declassa rating ad 'A3', outlook negativo

martedì 14 febbraio 2012 08:58
 

MILANO, 14 febbraio (Reuters) - Moody's Investors Service ha rivisto al ribasso la propria valutazione sul rating sovrano della Repubblica italiana, portandola da 'A2' ad 'A3' e mantenendo l'outlook negativo.

Arrivata nella notte, la bocciatura di un 'notch' da parte dell'agenzia Usa ha colpito anche Malta, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna.

Retrocede a 'negativo' da 'stabile' l'outlook su Austria, Francia e Regno Unito.

Nella parte dedicata al caso italiano del lunghissimo comunicato che accompagna la decisione sul rating, l'agenzia individua tre fattori principali a monte della decisione della notte scorsa.

Si tratta in primo luogo del clima di incertezza sulle prospettive di riforma istituzionale nella zona euro e della generalizzata debolezza dell'economia della regione, che continueranno a pesare sulla fragile fiducia dei mercati; delle sfide specifiche per l'Italia legate all'elevato livello del debito, ai costi della raccolta e al deterioramento delle prospettive macro e infine ai rischi "significativi" che il governo non riesca a centrare gli obiettivi di correzione a causa della debolezza strutturale dell'economia.

"Moody's riconosce che gli sforzi di correzione dei conti pubblici e le riforme economiche messi a punto dal nuovo governo italiano hanno aiutatato a mantenere un avanzo primario" scrive l'agenzia.

"Il governo si è posto per i prossimi anni un obiettivo di oltre 5% per l'avanzo primario ma in un clima di pronunciata debolezza dell'economia regionale sarà impegnativo generare l'elevato avanzo primario necessario a compensare il rincaro degli interessi e in ultima analisi ridurre il debito" aggiunge.

"Moody's mantiene sull'Italia un outlook negativo a riflesso di un potenziale ulteriore peggioramento delle condizioni economiche e finanziarie conseguente al deterioramento della crisi della zona euro" si legge nella nota dell'agenzia.

  Continua...