Btp positivi ma riducono guadagni,occhi su aste domani

lunedì 13 febbraio 2012 17:47
 

 MILANO, 13 febbraio (Reuters) - Chiusura in rialzo per
i Btp che ritracciano dai massimi osservati nella prima fase
della seduta ma restano ben supportati in attesa delle aste a
medio lungo di domani, quando il Tesoro metterà sul piatto dai
3,75 ai 6 miliardi di titoli, tra cui il Btp novembre 2014.	
 "Nel pomeriggio ci siamo allontanati un po' dai massimi di
seduta, ma onestamente non ho visto grossi movimenti e l'umore
resta buono" dice un dealer da Milano.   	
A favorire l'impostazione positiva della seduta il via libera
del voto parlamentare greco sulle misure di austerità richieste
dai creditori internazionali per lo sblocco del secondo
pacchetto di aiuti finanziari e il buon risultato dell'asta Bot,
nonostante il problema tecnico riscontrato dagli operatori e
confermato da Bankitalia.	
 "I timori sull'effettiva capacità di Atene d'implementare le
riforme hanno ridato un po' di spinta al Bund" dice un secondo
operatore.	
 Secondo quanto riferito a Reuters da due fonti vicine alle
trattative, ipotizzando che non ci siano ulteriori imprevisti
nel processo, i termini dell'accordo con il settore privato
sulla ristrutturazione del debito greco saranno annunciati dopo
l'Eurogruppo in agenda mercoledì e contempleranno una perdita
netta del 70% per i creditori privati di Atene.	
 Intorno alle 17,20 il rendimento del titolo italiano a 10
anni, calato in mattinata fino a un minimo del 5,485%, tratta al
5,58% dal 5,616% del fine seduta di venerdì e il divario con
l'analoga scadenza del Bund, accorciatosi fino a 352 punti base,
ha chiuso a quota 366 punti base dai 370 punti base di venerdì
sera.	
 "Va considerato che domani ci saranno le aste medio-lunghe,
e queste inevitabilmente pesano un po' sul secondario" ricorda
il secondo dealer.	
 Il rendimento del Btp novembre 2014 in asta domani per un
importo compreso tra i 2,75 e i 4 miliardi a fine seduta si
tiene in area 3,489%, con il tiolo in rialzo di 13 centesimi
. In occasione dell'ultimo collocamento di metà
gennaio il titolo era stato assegnato al rendimento del 4,83%.	
  Nelle aste a medio lungo di domani verranno offerti anche
da 1 a 2 miliardi di titoli non più in corso di emissione, con
scadenza compresa tra i 3 e i 5 anni.	
 	
 PROBLEMA TECNICO NON PREGIUDICA BUON ESITO ASTA BOT	
 Indicazioni positive sono arrivate anche dall'asta dei Bot,
il cui esito complessivo non è stato pregiudicato dalle
difficoltà riscontrate dagli operatori nell'invio degli ordini
negli ultimi minuti del collocamento. I problemi tecnici
potrebbero, però, aver portato a un bid-to-cover distorto per il
collocamento sul titolo annuale.  	
 Il Tesoro ha comunque collocato l'intero ammontare offerto,
12 miliardi a fronte degli 8,025 in scadenza, e il tasso del Bot
annuale è calato al minimo dal giugno 2011, riavvicinandosi ai
livelli pre-crisi.	
 "Si conferma il trend discendente dei rendimenti che ha
caratterizzato le ultime aste. Il tasso del Bot annuale si è
riavvicinato alla media del primo semestre 2011, quando
viaggiava intorno al 2% e questo è molto positivo per il costo
del debito italiano" osserva Chiara Manenti, strategist di
Intesa Sanpaolo.	
Secondo Manenti il Tesoro continuerà almeno per il prossimo
bimestre a privilegiare le emissioni brevi, per sfruttare il più
possibile l'effetto benefico dei rendimenti dei finanziamenti
triennali della Bce. 	
 Se i rendimenti si sono confermati in discesa, per stessa
ammissione di Bankitalia, il problema tecnico potrebbe aver
inciso sul 'bid-to-cover' del Bot annuale, sceso a 1,09 dal
1,473 dell'asta di gennaio.	
 "I disguidi tecnici possono avere un impatto molto negativo 	
in determinate condizioni, fortunatamente il mercato non ha
reagito male, e questo vuol dire che l'Italia ha un buon 	
supporto" osserva un dealer di una delle principali banche
italiane.	
        	
     	
========================== 17,15 ===============================
 	
 FUTURES BUND MARZO       138,27   (+0,06)           	
 FUTURES BTP MARZO        102,75   (+0,28)           	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  98,667  (+0,214) 3,080%  	
 BTP 10 ANNI (MAR 22) 96,114  (+0,266) 5,584%   	
 BTP 30 ANNI (SET 40) 87,038  (+1,040) 6,036%   	
   	
========================= SPREAD (PB)===========================
 	
                                              ULTIMA CHIUSURA
 	
TREASURY/BUND 10 ANNI   3,8             5,8	
BTP/BUND 2 ANNI           283             292  	
BTP/BUND 10 ANNI        366             370   	
 livelli minimo/massimo              352,1-367,1     345,9-371,7
 	
BTP/BUND 30 ANNI        348             355  	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    250,4           246,1   	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                    45,2           50,4  	
================================================================
 	
 	
 (Elvira Pollina)	
  	
 
 
Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia