Crisi, bene Italia ma Europa faccia di più - Obama a La Stampa

giovedì 9 febbraio 2012 08:36
 

MILANO, 9 febbraio (Reuters) - L'Italia sta facendo notevoli passi avanti nella modernizzazione dell'economia e nella riduzione del proprio deficit ma per superare la crisi serve che tutti i governi europei dimostrino il loro impegno totale per il futuro dell'integrazione economica in Europa, erigendo firewall finanziari adeguati per evitare che il contagio si diffonda.

Lo ha detto il presidente americano Barack Obama in un'intervista concessa al quotidiano 'La Stampa' poche ore prima dell'incontro nello studio Ovale con il premier italiano Mario Monti, in programma questa sera alle 20,45 e la cui agenda ruoterà intorno alla situazione finanziaria europea.

"Sotto la leadership del primo ministro Monti, l'Italia sta adottando passi impressionanti per modernizzare la sua economia, ridurre il proprio deficit attraverso una combinazione di entrate e di uscite, riposizionando la nazione nel cammino verso la crescita" ha sottolineato Obama.

Il presidente americano ha riconosciuto le misure messe in atto in sede europea ma ha invitato l'Europa a impegnarsi di più per risolvere la crisi, fornendone dimostrazione concreta ai propri cittadini, alle imprese, ai mercati finanziari, attraverso la predisposizione di "firewall" finanziari adeguati.

"Sono d'accordo con quanto il primo ministro Monti ha detto: se l'Europa mette in atto firewall sufficientemente grandi si riduce la possibilità di doverli usare" ha affermato Obama.

Il presidente americano, senza entrare nei dettagli, ha detto che gli Stati Uniti continueranno a fare la loro parte per sostenere l'Europa nel risolvere la crisi, dal momento che gli hanno un enorme interesse nel successo dell'area dell'euro.

Ma ha anche invitato i governi europei a non tergiversare e a dimostrare "il loro impegno totale per il futuro dell'integrazione economica in Europa".

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia   Continua...