Banche, a dicembre crescita impieghi a minimo da un anno, sale tasso

mercoledì 8 febbraio 2012 10:10
 

MILANO, 8 febbraio (Reuters) - Nel mese di dicembre il tasso di crescita dei prestiti concessi dalle banche italiane al settore privato rinnova il suo minimo da novembre 2010, attestandosi a +2,3% annuo, un livello inferiore a quello del tasso di inflazione.

Il dato è stato reso noto da Bankitalia e si confronta con il +3,5% di novembre.

Il rallentamento ha riguardato sia i prestiti concessi alle società non finanziarie, che segnano a dicembre +2,6% dal +4,4% di novembre, sia quello relativo ai prestiti alle famiglie, +3,4% da +3,9 di novembre.

In aumento i relativi tassi di interesse. A dicembre 2011 i tassi d'interesse sui prestiti erogati nel mese alle società non finanziarie sono cresciuti al 4,18% dal 3,86% di novembre.

I tassi sui mutui per l'acquisto di abitazioni erogati alle famiglie sono aumentati al 4,26% dal 3,98% di novembre, mentre quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo sono aumentati al 9,11% dal 9,07%.

Sostanzialmente invariato il tasso di crescita delle sofferenze che a dicembre 2011 si è attestato al 22,2% dal 22,1% di novembre.

Ancora negativo il tasso di crescita dei depositi che si attesta a -0,5% poco variato dal -0,7% di novembre.

I tassi di interesse sui nuovi depositi con scadenza prestabilita sono aumentati al 2,88% dal 2,62% e aiutano il lieve incremento della retribuzione del complesso dei depositi, con un tasso passivo a +1,08% da +1,05 del mese precedente.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia