Immobili Ligresti,decisione banche ipotizzabile entro mese-Catella

martedì 7 febbraio 2012 14:10
 

MILANO, 7 febbraio (Reuters) - Una decisione sugli immobili della famiglia Ligresti detenuti nelle holding Simco e Sinergia potrebbe arrivare entro il mese.

E' l'opinione di Manfredi Catella, AD di Hines Italia, che sottolinea però come la partita sia tutta in mano alle banche creditrici.

"E' una decisione che spetta alla banche; leggo che dovrebbe arrivare nelle prossime settimane, entro il mese; risulta anche a me", ha dichiarato a margine della presentazione di un progetto di sviluppo residenziale del Fondo Inpgi Hines Fund.

Hines, ha spiegato, "ha per ora soltanto dato un supporto alle banche dando informazioni di merito sull'area Cerba" (che è parte importante del patrimonio in questione), dato che la società immobiliare è adviser dell'omonima Fondazione, nata per la creazione di un polo medico nel Parco Sud di Milano che riunisca lo Ieo di Umberto Veronesi con altri istituti scientifici (Centro Europeo di Ricerca Biomedica Avanzata).

Catella aveva già manifestato un paio di settimane fa la sua disponibilità a gestire un eventuale fondo immobiliare nel caso in cui le banche creditrici dei Ligresti, sistemata la partita delle società quotate Premafin e Fondiaria Sai , decidessero di seguire questa strada.

Secondo indiscrezioni stampa, il patrimonio immobiliare di Simco e Sinergia varrebbe (a libro) intorno ai 300 milioni di euro, contro un debito delle holding verso le banche per 330 milioni (più 90 milioni di debiti verso i fornitori). Oltre all'area del Cerba, nel portafoglio rientra tra l'altro anche la tenuta Cesarina alle porte di Roma.

Catella non ha voluto commentare queste cifre, ma dalle sue parole emerge che un ritorno economico su un'operazione immobiliare di questo tipo non è impossibile ma neppure scontato. "Ci vuole un programma di valorizzazione serio e pluriennale, solo così il tema del rimborso del debito diventa possibile", ha dichiarato. E poichè l'area del Cerba "è parte importante di questo compendio", servirebbe "un'operazione di natura quasi pubblica perchè stiamo parlando in gran parte della riqualificazione del Parco Sud".

Oggi Hines Sgr ha presentato con l'Inpgi un nuovo progetto residenziale nell'area milanese adiacente a corso Como che sarà realizzato attraverso un fondo interamente detenuto dall'ente di previdenza dei giornalisti, con un obiettivo di rendimento annuo (IRR) di oltre il 10% per la durata di otto anni. L'idea è di vendere gli appartamenti di nuova costruzione in linea con le quotazioni della zona, ossia nella parte alta della forchetta 7.000-10.000 euro al metro quadro.

Il capitale complessivo sottoscritto dell'Inpgi Hines Fund è di 100 milioni; tutto il patrimonio immobiliare dell'ente ha un valore di libro (al 1997) di 700 milioni, un valore di mercato che l'Inpgi stesso stima a 1,25 miliardi, con un rendimento lordo superiore al 5%, ha spiegato il presidente Ingpi Andrea Camporese.   Continua...