Italia, debito/Pil sotto 100% in 2020, si valutano dismissioni-Grilli

mercoledì 1 febbraio 2012 13:55
 

ROMA, 1 febbraio (Reuters) - L'Italia è nelle condizioni di portare il rapporto tra debito e Pil sotto il 100% nel 2020 grazie a un bilancio in pareggio dal 2013 e a dismissioni del patrimonio pubblico, secondo il vice ministro dell'Economia Vittorio Grilli.

"Noi speriamo di avere un debito/Pil inferiore al 100% nel 2020", ha detto il vice di Mario Monti in via XX Settembre in un incontro con i giornaisti della Stampa estera.

Oggi il debito italiano ammonta a circa il 120% del Pil o 1.900 miliardi di euro.

"Il pareggio di bilancio sarà una caratteristica del nostro bilancio dal prossimo anno. Dunque, una inflazione del 2% circa e una crescita anche inferiore all'1% generano automaticamente una riduzione del rapporto debito/pil. Oltre a questo, poi, ci saranno anche altre cose", ha spiegato Grilli.

"Stiamo analizzando tutto il nostro patrimonio pubblico di aziende, immobili e concessioni per vedere cosa può essere messo sul mercato e cosa valorizzato. Negli anni Novanta abbiamo già venduto molto e sappiamo come farlo".

Alla domanda se la Cassa depositi e prestiti (Cdp) sarà coinvolta in questa operazione di dismissioni Grilli ha risposto che il Tesoro sta valutando tutte le ipotesi ma che una decisione non è stata ancora presa.

(Giselda Vagnoni)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia