Zona euro,integrazione più forte si può fare in fretta-Van Rompuy

martedì 6 dicembre 2011 16:35
 

BRUXELLES, 6 dicembre (Reuters) - Una sorveglianza più stretta delle politiche fiscali della zona euro può essere ottenuta attraverso piccoli aggiustamenti al trattato Ue e il rafforzamento della legislazione secondaria, dice il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy ai leader Ue in un 'interim report' sulle modifiche al trattato da discutere al vertice dell'8-9 dicembre.

Lo scopo sarebbe quello di raggiungere un "nuovo patto fiscale (fiscal compact)" che vincoli gli stati membri della zona euro più strettamente a regole di debito e deficit di bilancio, una mossa che potrebbe essere sufficiente a lasciare alla Banca centrale europea spazio per aumentare gli acquisti di bond sovrani.

"Spostare la zona euro verso una vera unione economica richiede ulteriori iniziative in termini di integrazione, verso un nuovo patto fiscale", si legge nel rapporto, datato 6 dicembre, di cui Reuters ha preso visione.

"Per ripristinare la fiducia del mercato nella zona euro e per garantire la sostenibilità politica di meccanismi di solidarietà è cruciale migliorare la credibilità delle nostre regole di bilancio (livelli di deficit e di debito) e assicurarne un pieno rispetto".

Il rapporto sottolinea che iniziative di questo tipo richiederebbero modifiche al protocollo 12 del trattato Ue, che possono essere fatte velocemente e necessiterebbero soltanto di una consultazione con il Parlamento europeo e la Banca centrale europea, senza richiedere la ratifica dei parlamenti nella maggior parte degli stati membri.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia