Banche Ue, deleveraging può mettere pressione su debito sovrano

martedì 29 novembre 2011 12:01
 

, 29 novembre (Reuters) - L'azione di deleveraging da parte delle banche per cercare di rafforzare il proprio capitale potrebbe mettere ulteriore pressione al debito sovrano o pregiudicare il credito all'economia reale.

E' quanto emerge da un documento preparato per la riunione dei ministri delle finanze Ue di oggi e domani, che sottolinea i timori derivanti da un deleveraging diffuso tra le banche a livello europeo.

"Ci sono serie preoccupazioni su un deleveraging inappropriato che potrebbe essere applicato dalla banche e che pregiudicherebbe un'adeguta offerta di prestiti all'economia reale o metterebbe una pressione ulteriore eccessiva sul debito sovrano", si legge nel documento scritto da funzionari Ue sul quale di baseranno le discussioni tra i responsabili delle finanze dei paesi Ue.

Il documento evidenzia inoltre le divergenze tra i vari paesi sui programmi di garanzie in pool per le banche.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

me ci sono timori su possibile deleveraging inappropriato da parte di banche per rafforzare capitale - documento ue per min finanze

deleveraging banche puo' pregiudicare credito a economia reale, esercitare pressione aggiuntiva su debito sovrano - documento ue

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia