Italia, Ocse vede 2012 in recessione, no alternative a austerity

lunedì 28 novembre 2011 11:00
 

MILANO, 28 novembre (Reuters) - L'Italia si appresta a concludere un quarto trimestre in stagnazione e ad avviarsi verso un 2012 di contrazione del Pil. E' quanto prevede l'Ocse nella versione preliminare dell' Economic Outlook.

"La ripresa economica dell'Italia ha perso slancio. La produzione è attesa in netto declino nel 2012, e le proiezioni di risalita sono deboli" si legge nella sezione dedicata all'economia italiana.

Nel dettaglio, la crescita nel quarto trimestre del 2011 dovrebbe attestarsi poco sopra lo zero, al +0,1%. L'anno in corso dovrebbe quindi terminare con un incremento del Pil pari allo 0,7%.

Il rallentemanto evidenziatosi negli ultimi mesi di quest'anno, secondo l'Ocse, si accentuerà nel 2012, che dovrebbe chiudersi con una contrazione del prodotto interno lordo dello 0,5%. L'economia italiana riprenderà a crescere, seppur debolmente, nel 2013, che, in base alle previsioni dell'Organizzazione per lo sviluppo economico, si chiuderà con un incremento del Pil dello 0,5%.

Dal momento che l'outlook è ben peggiore rispetto alle previsioni di bilancio del 2012, per restare in linea con il programma di aggiustamento fiscale, secondo l'istituto parigino, saranno necessarie altre misure rispetto a quelle già annunciate.

Solo a questa condizione, che l'Ocse dà già per scontata nelle sue previsioni, l'Italia riuscirà ad arrivare all'equilibrio del pareggio di bilancio nel 2013.

Secondo le previsioni dell'Ocse il rapporto deficit Pil sarà del 3,6% nel 2011, calerà all'1,6% nel 2012 e nel 2013 si attesterà allo 0,1%.

Per quanto riguarda il rapporto debito/Pil, che nel 2011 sarà del 120%, si assisterà a un lieve incremento nel 2012, quando salirà al Ocse vede120,4%, e poi a una flessione nel 2013, quando calerà al 118,9%.

A fronte di questo scenario, il tasso di disoccupazione è destinato a crescere all'8,3% il prossimo anno per arrivare alll'8,6% nel 2013 dall'8,1% stimato per quest'anno.   Continua...