Italia, Fmi attenderà misure governo per inizio missione-fonti

venerdì 25 novembre 2011 15:49
 

MILANO, 25 novembre (Reuters) - I tempi della missione del Fondo monetario internazionale in Italia dipendono da quelli della presentazione dei primi provvedimenti fiscali del nuovo governo, per questo motivo è molto probabile che i funzionari di Washington arrivino a Roma dopo la fine di novembre.

Lo scorso 17 novembre un portavoce dell'organismo internazionale aveva detto in un incontro con i giornalisti che la missione dell'Fmi sarebbe arrivata in Italia a fine mese. I tempi per l'inizio del monitoraggio dell'Italia non sembrano, però, ancora maturi, secondo due fonti.

"Il Fondo attenderà che il governo definisca i suoi impegni di risanamento e che sottoponga le proprie proposte al Parlamento", spiega un funzionario italiano che ha stretti contatti con Washington.

Il Fondo ha le sue regole, i suoi standard e preferisce basare la propria sorveglianza su documenti scritti, e il governo guidato da Mario Monti, che si è insediato una decina di giorni fa, sta al momento vagliando le diverse ipotesi sul tavolo per rafforzare la credibilità dell'impegno al pareggio di bilancio nel 2013 e per sostenere la crescita.

"Nel caso particolare del fiscal monitoring richiesto dall'Italia, intervento che non è associato a un programma di assistenza finanziaria, spetta a Roma definire il piano di risanamento. Il Fondo, quindi, aspetterà che ci sia chiarezza sugli interventi in materia di bilancio", spiega il funzionario.

Una seconda fonte concorda sul possibile rinvio della missione rispetto alla scadenza di fine mese.

Quando alle modalità del monitoraggio, è possibile che a guidare la missione in Italia sia Reza Moghadam, appena nominato capo del Dipartimento europeo del Fondo a seguito delle dimissioni inattese di Antonio Borges. Prima di prendere le redini del dipartimento europeo l'iraniano Moghadam è stato responsabile del Dipartimento per la strategia, le politiche e la supervisione del Fondo, una divisione centrale per il funzionamento dell'organismo multilaterale.

L'ufficio stampa del Fondo ha preferito non commentare le informazioni dopo le indicazioni fornite da un portavoce a metà novembre.

  Continua...