Btp,spread attorno a 500 pb,occhi aste domani,curva invertita

giovedì 24 novembre 2011 17:45
 

 MILANO, 22 novembre (Reuters) - Dopo il miglioramento
dello spread della mattinata per effetto del calo del bund, il
pomeriggio ha visto prese di beneficio, anche per l'avvicinarsi
delle aste italiane, che lo hanno fatto nuovamente lievitare
sopra i 500 punti base. 	
 A dominare la scena oggi, è stata la conferenza stampa di
Merkel, Monti e Sarkozy da cui il mercato ha colto nuovamente
l'ostilità del Cancelliere tedesco alla creazione degli eurobond
o, come li chiamano la Commisione Ue e lo stesso Monti, gli
stability bond. 	
 "E' il tema del momento, o sarebbe meglio dire quello che
potrebbe essere l'intervento estremo per cercare di aiutare il
mercato" dice un dealer. "L'opposizione della Merkel è stata
decisa anche oggi e ciò ha contribuito ad allargare di nuovo lo
spread, ma al momento è l'unica soluzione che abbia un senso".	
 Monti ha detto oggi che "gli Stability bond potrebbero dare
un contributo significativo".	
 Ad aprire uno spiraglio è stata l'asta tedesca di ieri che
ha mostrato una domanda molto debole, facendo uscire
dall'armadio lo spettro di un contagio arrivato a interessare
anche l'ultimo paese della zona euro che senbrava esserne stato
esente finora. "L'esito dell'asta di ieri potrebbe rendere la
Germania più morbida verso l'istituzione degli euro bond" dice
uno strategist.	
 La confezione di questi strumenti, con le ripetute
revisioni, porta ora numerosi corollari fatti di garanzie,
sanzioni, controlli, azioni anche di tipo politico, strada che
forse potrebbe portare la Merkel a ingoiare l'amara medicina. 	
 "La terza versione degli euro bond che sta circolando pone
molti più paletti per gli stati membri e ciò dovrebbe piacere di
più alla Germania" dice un altro strategist. Attenzione su
questo tema al Consiglio Europeo del 9 dicembre.	
 RENDIMENTI DEI BREVI PIU' ALTI DEI LUNGHI, OCCHI ASTE DOMANI	
 Il mercato, con pochissimi scambi per la chiusura dei
mercati Usa per il Thanksgiving, resta sotto pressione. 	
 A preoccupare, più ancora dello spread, sono i livelli dei
rendimenti, con una curva ancora decisamente invertita.	
 Verso la chiusura su piattaforma Tradeweb,
tratta in area 504 punti base contro i 497 della chiusura di
ieri dopo un minimo toccato stamane a 478 pb.	
 A preoccupare soprattutto sono i livelli dei rendimenti, con
il Btp a 2 anni che quota stasera a 7,60%, ancora
ben sopra quello del decennale di 7,17%. Sopra il
decennale è qnche il rendimento del Btp 5 anni al
7,60%. "Il segno negativo è soprattutto la curva invertita e
fino a che sarà così restano forti dubbia sulla tenuta
dell'Italia" dice un altro dealer. "E lo spread tra 2 e 10 anni
continua a crescere". Stasera a 36 pb. 	
 Domani per altro si terrà la prima seduta d'asta
dall'insediamento del governo Monti per le quali sono attesi
rendimenti in netto rialzo rispetto a quella di un mese fa.	
 In offerta ci sono Bot semestrali per 8 miliardi contro gli
8,8 miliardi in scadenza e Ctz per 2 miliardi. 	
 Stasera il Bot è stato trattato sul grey market solo in
chiusura a un prezzo di 97,04 per un rendimento al 6%, in netto
rialzo dal 3,535% dell'asta di fine ottobre. Il Ctz quota un
rendimento del 7,335% contro il 4,628% risultato all'asta
scorsa. Sul mercato secondario il Bot esistente con la medesima
sacdenza (maggio 2012) di quello offerto in asta, pur privo di
scambi, viene indicato stasera a un rendimento del 5,200%-5,87%.	
 I dealer non si dicono preoccupati per la domanda, ritenedo
che non ci siano prolblemi per la copertura, ma "Certamente
questi livelli di rendimenti non sono confortanti", dice uno di
essi.	
 Stasera il Tesoro ha annunciato l'ammontare delle aste sui
titoli a medio lungo in calendario martedì, con la novità
dell'esclusione del CCteu, rimpiazzato da un off-the-run
lungo(il settembre 2020).   	
 "La scelta è caduta su un titolo che, dalle tensioni sul 	
mercato dei repo si deduce che è molto richisto dagli operatori"	
dice un dealer. "D'altra parte i Btp decennali sul mercato sono 	
quelli che hanno più probabilità di ricevere interesse dagli 	
investitori, visto che sono oggetto di acquisti da parte della 	
Bce". Gli acquisti delle banche centrali hanno come conseguenza 	
una rarefazione dei titoli in circolazione per cui il tesoro li 	
riapre per creare maggior flottante.   	
 Il Tesoro offrirà anche, come da agenda, l'asta 	
del nuovo Btp a tre anni con nuova cedola al 6% e la riapertura 	
del  Btp decennale marzo 2022. Stasera il Tesoro ha annunciato
che l'ammontare complessivo è tra i 5 e gli 8 miliardi.  	
========================== 17,30 =============================	
 FUTURES BUND DICEMBRE    135,05   (-0,75)         	
 FUTURES BTP DICEMBRE      90,10   (-0,56)          	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  95,00   (-0,38)  7,628%	
 BTP 10 ANNI (SET 21) 84,01   (-0,770  7,159% 	
 BTP 30 ANNI (SET 40) 73,27   (-0,25)  7,347% 	
========================  SPREAD (PB)========================== 	
                                            ULTIMA CHIUSURA 	
TREASURY/BUND 10 ANNI    23,9            14,0	
BTP/BUND 2 ANNI           713             696	
BTP/BUND 10 ANNI        502             497	
livelli minimo/massimo              478,1-506,0     497,3-514,0	
BTP/BUND 30 ANNI        453             458	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    -36,2           -24,1	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                    18,8            27,6   
 	
=============================================================== 	
 	
  (Gabriella Bruschi)	
 (Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02
66129504, Reuters messaging:
gabriella.bruschi.reuters.com@reuters.net)
Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. 
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia