Ocse molto preoccupata su zona euro - Padoan a La Stampa

giovedì 24 novembre 2011 08:05
 

MILANO, 24 novembre (Reuters) - La recessione in Europa può ancora esser evitata, ma esiste uno scenario più negativo. A dirlo è il numero due e capo economista dell'Ocse Pier Carlo Padoan che, in un'intervista al quotidiano La Stampa in vista della pubblicazione, lunedì, delle stime semestrali dell'organizzazione, si dice "molto preoccupato" per la zona euro.

"Accanto a quelle (stime) di una crescita che declina ed è molto debole, presenteremo uno scenario molto più negativo, in cui si esamina l'ipotesi di una crisi finanziaria grave dell'area euro, con conseguenze molto preoccupanti in tema di caduta del reddito e aumento della disoccupazione" si legge nell'intervista.

Padoan prosegue spiegando che per scansare la recessione "a livello europeo ci vogliono risorse sufficienti a tranquillizzare i mercati, mentre i governi devono andare avanti con i risanamenti".

Commentando poi l'esito dell'asta di ieri di Bund tedeschi, il capo economista dell'Ocse parla di "un ulteriore salto di qualità della crisi", aggiungendo che "se il Paese di riferimento dell'Eurozona non riesce a collocare i suoi titoli di Stato, vuol dire che gli investitori temono per il sistema nel suo complesso".

Sull'Italia, prosegue Padoan, "Monti ha messo sul tavolo un programma di riforme molto ampio e ambizioso ma assolutamente necessario" che "è stato accolto molto positivamente in Europa, a dimostrazione della grande credibilità sua personale e del suo governo".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia