Zona euro, recessione minaccerebbe rating - S&P

mercoledì 23 novembre 2011 12:35
 

DUBLINO, 23 novembre (Reuters) - Standard & Poor's avverte che il merito di credito dei paesi della zona euro potrebbe subire un'ulteriore pressione al ribasso se un ampio numero dei Paesi tornasse, come previsto, a scivolare l'anno prossimo nella recessione economica.

A dirlo è David Beers, responsabile del declassamento S&P degli Stati Uniti, secondo cui banca centrale europea e i governi nazionali arriveranno a una qualche forma di intesa su come risolvere l'acuirsi della crisi del debito sovrano.

"Trattandosi di una posta tanto elevata c'è da aspettarsi si possa giungere a un accomodamento tra autorità comunitarie e nazionali, in modo che un'azione più aggressiva della Bce per fronteggiare la crisi sia accompagnato da misure politiche più incisive a livello nazionale" dice il responsabile S&P per i rating sovrani globali.

"Tali misure implicherebbero naturalmente una maggiore coordinazione di politica e un rafforzamento degli impegni a livello di zona euro e Ue" aggiunge.

A parere di Beeers, se i rendimenti dei governativi della zona euro rimangono sui livelli attuali e i bilanci delle banche continuano a contrarsi è difficile si eviti una recessione di un'ampia parte dei Pesei dell'unione.

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129854, Reuters messaging: alessia.pe.thomsonreuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia