Thomas Cook crolla in borsa su timori default

martedì 22 novembre 2011 12:13
 

LONDRA, 22 novembre (Reuters) - Thomas Cook ha avviato nuove trattative con le banche dopo l'ulteriore peggioramento delle attività e della posizione di cassa che hanno esposto il secondo tour operator in Europa al rischio default.

Il titolo, che ha già perso l'80% del suo valore da inizio anno, intorno alle 12 è in calo del 68%.

"Per effetto del deterioramento delle attività in alcune aree del business e della posizione di cassa e di liquidità, la società sta parlando con le maggiori banche creditrici a proposito delle linee di credito", ha detto la società.

Thomas Cook, che ha lanciato una serie di profit warning che hanno portato alle dimissioni dell'AD, ha detto che al momento sta rispettando i covenant finanziari e che sta cercando degli aggiustamenti sui termini di finanziamento per milgiorare la sua capacità di resistenza nel caso le condizioni industriali rimanessero difficili.

Thomas Cook ha risentito profondamente della difficile congiuntura che, soprattutto in Gran Bretagna, ha ridotto la base clienti costituita prevalentemente da famiglie con bambini.

"Il fatto che Thomas Cook debba rinegoziare con le banche nell'arco di due mesi è indice del fatto che l'andamento del suo prodotto di massa è peggiorato più velocemente di quanto la società stessa o le banche aspettassero", dice un analista.

Un altro analista si dice scioccato che il gruppo debba rinegoziare i finanziamenti solo 32 giorni dopo un accordo con le banche. "E' legittimo chiedersi se Thomas Cook sopravviverà nel lungo termine", dice.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia