22 novembre 2011 / 11:09 / 6 anni fa

PUNTO1-Fiducia in Italia,domani due proposte su regole budget-Rehn

(Aggiunge dichiarazioni Rehn, dettagli, divide paragrafi)

BERLINO, 22 novembre (Reuters) - Il monitoraggio della Commissione europea sull'Italia continuerà nei prossimi mesi dopo il primo rapporto sullo stato delle riforme economiche nel Paese, che verrà presentato all'Eurogruppo martedì prossimo.

Lo ha detto il commissario europeo agli Affari economici e monetari Olli Rehn, ricordando come l'Italia debba fare progressi sul consolidamento di bilancio e adottare misure coraggiose per la crescita.

"Presenteremo un primo report all'Eurogruppo martedì prossimo. Alcune misure sono già state prese e il nuovo premier ha già manifestato l'intenzione di fare ulteriori passi in altri settori. Continueremo a monitorare la situazione con attenzione nelle prossime settimane e nei prossimi mesi" ha detto Rehn in un intervento a Berlino.

Il Commissario Ue si è detto fiducioso che l'Italia, tramite politiche adeguate, sappia superare l'attuale perdita di credibilità da parte dei mercati.

"In generale, l'attuale situazione in Italia rappresenta una opportunità di cambiamento positivo. Sono fiducioso che, con le giuste politiche, l'Italia possa superare l'attuale perdita di fiducia da parte dei mercati" ha affermato il commissario Ue.

COMMISSIONE UE PROPORRA' NUOVE REGOLE A PAESI SU BILANCI

Rehn ha inoltre annunciato che domani la Commissione Ue chiederà ulteriori poteri per accertarsi che i bilanci della zona euro non violino le regole concordate in sede europea.

"Domani la commissione presenterà due proposte che intendono stabilizzare ulteriormente la politica fiscale dell'area euro" ha detto Rehn.

"La prima proposta sostiene la cultura della stabilità nazionale richiedendo precisi vincoli fiscali sul pareggio di bilancio, in linea con gli obiettivi di medio termine del Patto di stabilità e Crescita" ha spiegato il Commissario Ue.

La Commissione europea proporrà inoltre che la pianificazione di bilancio venga fatta sulle basi di previsioni indipendenti elaborate da comitati di bilancio nazionali.

Secondo Rehn la proposta formulata da un comitato indipendente di saggi tedeschi per l'istituzione di un fondo dedicato al rimborso del debito del Paesi della zona euro merita ulteriori approfondimenti.

"La proposta bilancia una condivisione del rischio - limitata nel tempo - con criteri molto stretti di consolidamento fiscale" ha evidenziato Rehn.

Il comitato indipendente di esperti tedeschi, i cui pareri non sono necessariamente fatti propri dal governo di Berlino, aveva paventato il rischio di una perdita di credibilità della Bce a causa del programma di acquisto bond e come alternativa a questo aveva proposto la messa a punto di un "patto sui rimborsi".

Questo comporterebbe che tutti i Paesi con un rapporto debito/Pil superiore al 60% convogliassero l'eccesso di debito in un fondo unico con passività comuni. Essi s'impegnerebbero a riforme e si vedrebbero rimborsare il debito nell'arco di vent'anni.

LETTERA DI AVVERTIMENTO A 5 PAESI

L'Unione europea, ha reso noto Rehn, ha inviato delle lettere di pre-avvertimento a cinque paesi membri che rischiano di violare le regole fiscali il prossimo anno, ovvero Belgio, Polonia, Ungheria, Cipro e Malta.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below