Governo, Monti in Senato ringrazia partiti, nega legame poteri forti

giovedì 17 novembre 2011 19:01
 

ROMA, 17 novembre (Reuters) - Il neo presidente del Consiglio, Mario Monti, dedica la sua replica in Senato, prima che si voti la fiducia al suo governo, ringraziando i partiti per la loro collaborazione e respingendo l'accusa che gli è stata rivolta di connessioni con i presunti poteri forti e le multinazionali internazionali.

"Ho grandemente aspettato il clima di collaborazione dei partiti, o collaborazione di attesa o disponibilità", ha detto Monti al termine del dibattito che si è svolto nel pomeriggio a Palazzo Madama in vista del voto di fiducia che inizia alle 20,30.

Quanto poi al legame evocato da alcuni interventi fra il suo esecutivo e i poteri forti dell'economia e della politica, Monti ha replicato: "Vorrei rassicurare. Non sono sicuro che le grandi multinazionali mi abbiamo colto come un loro devoto e disciplinato servitore, e per quanto riguarda le potenze europee in quelle occasioni [nelle quali ho ricoperto il ruolo di commissario Ue alla concorrenza] ho avuto il piacere - lavorare per la rete comunitaria e i cittadini è stato un piacere oltre che un dovere -, ho avuto occasione di fare la mia parte rispetto ai maggiori paesi europei quando capitava che non rispettassero le norme".

Monti come commissario Antitrust ha ingaggiato una battaglia contro il ruolo di monopolio di Microsoft.

Monti ha poi spiegato di aver già preso contatto con i partner europei per "cercare di dare un avvio rapido a quella politica che mi sembra auspicata da tutti i settori nel senso di una presenza incisiva dell'Italia a livello comunitario con gli altri paesi europei".

Infine, ha concluso il presidente della Bocconi rivolgendosi ai senatore, "sfondate una porta aperta, ma siete consapevoli di sfondarla, quando osservate che dobbiamo essere ossequiosi al primato della politica. Proprio in questo senso abbiamo iniziato a operare con un atteggiamento umile rispetto alle istituzioni politiche alle quali riconosciamo naturalmente la primazia".

(Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224245, Reuters Messaging: francesca.piscioneri.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia