Btp a fondo su timori rottura euro, spread 536 pb, occhi su Monti

martedì 15 novembre 2011 13:16
 

 MILANO, 15 novembre (Reuters) - Si riporta a livelli
fortemente critici la pressione sui Btp, mentre la crisi dei
debiti sovrani si estende anche ai titoli 'core' di Francia,
Austria e Olanda, che vedono schizzare al rialzo gli spread
contro Germania.	
 "E' un quadro che certamente non agevola i periferici,
Italia compresa. Di fatto tutta l'area euro è sotto pressione"
osserva un trader da Milano.	
 Ad alimentare il timori degli investitori, anche il percorso
in salita che deve affrontare il presidente del Consiglio
incaricato Mario Monti, il quale deve confrontarsi con le
divisioni tra le forze politiche che dovrebbero sostenere il
futuro governo di larghe intese 	
 Il tasso del benchmark italiano a 10 anni si è
riportato poco sopra la soglia critica del 7%, ritenuta
altamente rischiosa per la sostenibilità del debito. 	
 Mercoledì scorso il tasso del decennale italiano era salito
fino al 7,5% massimo dall'introduzione dell'euro.	
 Lo spread tra decennali italiani e Bund tedeschi tratta a
534 punti base dai 495 della chiusura di ieri, e si riavvicina
così al record dall'introduzione del'euro.	
 Diversi operatori hanno riferito a Reuters di un intervento
sul mercato della Bce a sostegno dei Btp, ma con un impatto
limitato sui prezzi.	
 	
 FEBBRE DEGLI SPREAD CONTAGIA FRANCIA, AUSTRIA E OLANDA	
A tenere in fibrillazione i dealer oggi è l'aumento della
pressione sui titoli dei Paesi europei considerati 'core', come
Olanda, Austria e Francia. 	
 Un segnale che la febbre dei debiti, partita dal bubbone
greco si sta estendendo oltre i cosiddetti periferici, mettendo
a rischio tutta la zona euro.	
 In particolare, si allarga lo spread tra titoli francesi e
tedeschi a dieci anni, che ha raggiunto il livello massimo
dall'introduzione dell'euro, volando a 187 punti base
. A maggio viaggiava a sui 30 punti base.	
 "L'Italia resta nell'occhio del ciclone, ma la tempesta si
sta allargando. Il mercato comincia a prezzare un break-up del
blocco dell'euro e gli investitori si stanno riposizionando a
livelli di spread precedenti l'istituzione della valuta unica"
sintetizza Alessandro Giansanti.	
 "Il fatto che stiano allargando anche Olanda e Austria,
paesi fino a poco tempo fa su livelli di rendimento simili alla
Germania, è uno sviluppo particolarmente preoccupante" commenta
d Nick Stamenkovic, strategist sui tassi per Ria Capital
Markets.     	
  "Gli investitori cercano carta tedesca a causa di timori che
non riguardano più soltanto Italia o Spagna ma il futuro della
zona euro nel suo insieme" aggiunge.	
     	
 IL PERCORSO A OSTACOLI DI MONTI	
 Sul fronte della politica interna, la strada del presidente
del Consiglio incaricato incaricato Mario Monti appare in
salita. L'ex commissario Ue sta proseguendo le consultazioni con
le forze politiche e istituzionali. 	
 Oggi è la volta di Pd e Pdl, le due principali forze
politiche italiane, il cui appoggio parlamentare è determinante
per il sostegno al nascente governo di larghe intese che
affronti l'emergenza economica finanziaria, realizzando le
riforme strutturali promesse in sede europea e internazionale. 	
Stamattina il segretario del Pd, nel confermare l'appoggio
del suo partito al tentativo di Monti, ha parlato di un governo
ad "alta caratura tecnica".  	
Pier Luigi Bersani ha anche detto che non intende porre
limiti alla durata del nuovo esecutivo e ha indicato la modifica
della legge elettorale tra i punti del programma.  	
Si tratta di potenziali punti di scontro con il Pdl che pure
dovrebbe sostenere Monti e che ha fatto capire di preferire un
esecutivo a termine e con un mandato limitato che lasci fuori la
riforma elettorale.  	
 Secondo il presidente dell'Aibe dell'associazione banche
estere Guido Rosa se il tentativo di Mario Monti non dovesse
avere successo, le conseguenze per l'Italia sarebbero molto
pesanti.     	
 	
 =========================12,50 =============================== 	
 FUTURES BUND DICEMBRE    138,99   (+0,73)         	
 FUTURES BTP DICEMBRE      90,00   (-2,15)         	
 BTP 2 ANNI  (NOV 13)  96,24   (-0,86)  6,721% 	
 BTP 10 ANNI (SET 21) 84,42   (-2,06)  7,086% 	
 BTP 30 ANNI (SET 40) 70,80   (-2,50)  7,623% 	
========================  SPREAD (PB)========================== 	
                                            ULTIMA CHIUSURA 	
TREASURY/BUND 10 ANNI  -25,6           -25,0	
BTP/BUND 2 ANNI           643             583	
BTP/BUND 10 ANNI        534             495	
livelli minimo/massimo              511,1-536,5   455,1-502,5	
BTP/BUND 30 ANNI        517            455 	
SPREAD BTP 10/2 ANNI                    36,5           57,5	
SPREAD BTP 30/10 ANNI                   53,7           57,1     	
=============================================================== 	
 	
 (Elvira Pollina)  	
  	
  	
 Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in 	
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia