PUNTO 1-Bce ultimo argine se politica fallisce - Bofinger

martedì 15 novembre 2011 13:13
 

(Aggiunge dettagli)

FRANCOFORTE, 15 novembre (Reuters) - La Banca centrale europea dovrebbe diventare creditore di ultima istanza per il mercato dei titoli di Stato della zona euro, se la politica fallisse e la crisi attuale mettesse a repentaglio la sopravvivenza del sistema finanziario comune.

Lo ha detto uno dei cosiddetti "saggi" tedeschi, l'economista Peter Bofinger, consigliere del governo del Cancelliere Angela Merkel.

"I politici non hanno sfruttato il loro tempo e ora bisogna ringraziare che ci sia la Bce" ha affermato Bofinger durante un convegno.

"In caso di dubbio, se la politica, la politica fiscale non arriva ad alcun punto, allora sarebbe meglio che la Bce comprasse titoli di Stato, prima che la zona euro finisca in un processo incontrollabile, in cui banche e governi si affondano a vicenda", ha proseguito l'economista. "Non è bello.... ma chiaramente dobbiamo renderci conto che siamo in una situazione di emergenza. Non si tratta di chirurgia estetica, ma della necessità di applicare cure mediche d'emergenza".

Bofinger ha poi aggiunto che se la Bce intervenisse lo dovrebbe fare in maniera adeguata, stabilendo un target massimo di rendimento al 4%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia