Crisi, tafferugli a Roma tra polizia e studenti

giovedì 3 novembre 2011 12:29
 

ROMA, 3 novembre (Reuters) - La polizia ha caricato oggi gli studenti che si erano concentrati nel piazzale della stazione Tiburtina a Roma per muovere in corteo verso il centro, in una dimostrazione contro le misure di austerità annunciate dal governo.

Ad inasprire gli animi era soprattutto l'ordinanza del sindaco Gianni Alemanno che vieta le manifestazioni nel centro della capitale.

Quando gli studenti, protetti da scudi di latta, hanno cercato di forzare il cordone che li bloccava, i poliziotti hanno reagito con manganellate, come mostrano le immagini di Reuters tv.

I manifestanti hanno anche cercato di occupare il cantiere della nuova stazione, ma anche da lì sono stati respinti con una carica di alleggerimento.

"E' intimidatorio e contrario alla Costituzione impedirci di manifestare", ha detto davanti alla telecamera Cristiano, uno ragazzo del collettivo degli studenti liceali.

"Vogliamo protestare contro il G20, dove 20 signori decidono da soli di negarci un futuro", ha aggiunto.

La maggioranza dei manifestanti appare molto giovane. "Siamo a volto scoperto e ci impedite di girare liberamente per la città. Prendete a manganellate dei minorenni, buffoni", gridava agli agenti un dimostrante.

Le agitazioni riguardano oggi molti licei romani, davanti ai quali stamattina stazionavano camionette della polizia e alcuni studenti sono stati identificati, come ha detto un altro manifestante.

(Redazione General News Roma +3906 85224380, fax +3906 8540860, Reutersitaly@thomsonreuters.com) -- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia