Crisi, serve più senso Stato, scaduta attività legislativa -Napolitano

lunedì 31 ottobre 2011 18:54
 

ROMA, 31 ottobre (Reuters) - Davanti alla perdurante crisi bisogna riacquistare un più acuto senso dello Stato e delle istituzioni, mentre c'è bisogno di mettere fine allo scadimento dell'attività legislativa.

Il duro monito ad attività di governo e Parlamento è stato lanciato oggi dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel suo intervento alla cerimonia del 180° anniversario del Consiglio di Stato al Quirinale.

"Si avverte oggi un acuto bisogno di più cultura delle istituzioni, di più senso delle istituzioni, di più attenzione all'esercizio delle funzioni dello Stato e alle condizioni in cui versano le sue strutture portanti", ha detto il capo dello Stato.

Secondo Napolitano "è ormai essenziale una visione ampia, innanzitutto europea, dell'evolversi e dell'intrecciarsi delle esperienze istituzionali . Per quanto antico o permanente sia il rischio del legiferare confusamente, in modo contraddittorio e tecnicamente difettoso, non c'è dubbio che in tempi recenti vi sia stato un sensibile scadimento del processo di formazione delle leggi".

Nel suo monito Napolitano ha tolto ogni dubbio sui referenti dell'ammonimento quando ha citato Benedetto Croce su "la necessità di garantire a tutti i cittadini la giustizia, rendendo più certe e meglio amministrate le norme legislative e impedendo o frenando l'arbitrio dei partiti che prendono il governo".

(Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224352, Reuters Messaging: paolo.biondi.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia