Crisi, Italia non è troppo grande per fallire - Padoan (Ocse)

lunedì 31 ottobre 2011 18:24
 

ROMA, 31 ottobre (Reuters) - L'Italia deve assumersi in modo chiaro i costi per uscire dalla crisi perché non è vero che è troppo grande per fallire e se non vuole fallire deve impegnarsi per sostenere l'euro.

Lo ha detto a Focus Economia su Radio 24 il capo economista dell'Ocse, Pier Carlo Padoan.

"Pensare che nessuno ci farà fallire perché siamo troppo grandi come italiani è un gioco troppo pericoloso e non vero. Non scherziamo col fuoco! Va presa un'azione decisa dei paesi, e non solo dell'Italia; va presa un'azione decisa a livello dell'Euro. Questo vuol dire cifre chiare e meccanismi chiari. Tutto questo ancora non c'è", ha detto Padoan.

Secondo il capo economista dell'Ocse "siamo noi i primi a dover prendere delle misure necessarie per uscire da questa crisi. [Il presidente francese Nicolas] Sarkozy sottintende che se un Paese grande dell'Europa, qualunque esso sia, fallisce, fallisce all'interno del progetto dell'Euro e allora la domanda è se siamo disposti a far fallire l'Euro. Se non lo vogliamo far fallire, però, dobbiamo sostenere i costi per avere dei benefici".

(Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224352, Reuters Messaging: paolo.biondi.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia