Efsf, decisione corte costituzionale Germania ostacola acquisti Bond

venerdì 28 ottobre 2011 12:32
 

BERLINO, 28 ottobre (Reuters) - La sottoscrizione di titoli di Stato della zona euro sul mercato secondario da parte del fondo salva-Stati Efse sarà di fatto impossibile fino al verdetto finale della Corte costituzionale tedesca sulla legittimità del comitato parlamantare appositamente creato per prendere le decisioni in materia di salvataggi europei.

Lo riferisce un autorevole parlamantare della coalizione.

La Corte costituzionale ha temporaneamente sospeso l'uso di una comitato parlamentare speciale - in sostituzione del Bundestag - per assumere decisioni su questioni urgenti riguardanti i pacchetti a sostegno di di Paesi della zona euro.

Un deputato federale ha presentato ieri ricorso alla Corte costituzionale, sostenendo che il comitato speciale vìola la legge trasferendo i poteri dell'intero Bundestag a un comitato su temi riguardanti il bilancio.

Un portavoce dell'esecutivo ha dichiarato che il governo non prende posizione sulle decisioni della Corte, mentre un secondo portavoce, del ministero delle Finanze, è intervenuto per affermare che il parlamento tedesco può ancora prendere decisioni sull'Efsf, nonostante il pronunciamento della Corte costituzionale.

A seguito di una sentenza della stessa Corte che lo scorso mese ha dato più voce in capitolo al Parlamento tedesco su ciò che riguarda il fondo di salva-Stati Efsf, il governo tedesco deve ricevere l'approvazione da parte della Commissione parlamentare per il Bilancio per la partecipazione ai bailout della zona euro.

Il comitato speciale, composto da 9 membri, era stato creato per rappresentare la più ampia commissione per il Bilancio in questioni particolarmente urgenti e confidenziali.

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129854, Reuters messaging: alessia.pe.thomsonreuters.com@reuters.net)   Continua...