SCHEDA - Lettera a Ue, il piano d'azione per la crescita

mercoledì 26 ottobre 2011 21:19
 

(aggiunge dettagli)

26 ottobre (Reuters) - Per rassicurare i mercati e i partner europei, l'Italia si è impegnata a presentare entro il 15 novembre un piano di azione sul rilancio della crescita.

Lo si legge nella lettera di intenti che il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha inviato ai Capi di Stato e di governo europei riuniti a Bruxelles.

Il governo intende operare su quattro direttrici nei prossimi otto mesi. Entro due mesi, procedere con la rimozione di vincoli e restrizioni alla concorrenza e all'attività economica, così da consentire, in particolare nei servizi, livelli produttivi maggiori e costi e prezzi inferiori. Entro quattro mesi, definire un contesto istituzionale, amministrativo e regolatorio che favorisca il dinamismo delle imprese. Entro 6 mesi, adottare misure che favoriscano l'accumulazione di capitale fisico e di capitale umano. Entro 8 mesi, completare le riforme del mercato del lavoro, per superarne il dualismo e favorire una maggiore partecipazione.

"Nei prossimi quattro mesi è, ad ogni modo, prioritario aggredire con decisione il dualismo Nord-Sud che storicamente caratterizza e penalizza l'economia italiana", spiega la lettera.

Per questo l'esecutivo è intenzionato a utilizzare pienamente i fondi strutturali, impegnandosi in una loro revisione globale.

FAVORIRE I LICENZIAMENTI IN CASO DI CRISI

Uno dei principali interventi dichiarati da Berlusconi nella lettera consiste nell'approvazione, entro maggio 2012, di una riforma della legislazione del lavoro.   Continua...