PUNTO 3-Consiglio Ue, occhi su impegni Italia

mercoledì 26 ottobre 2011 18:35
 

* Lettera arrivata a Bruxelles-fonte

* Impegni Italia saranno citati da comunicato finale - fonte

* Pensione a 67 anni ma solo dal 2026 (Accorpa pezzi, aggiunge contesto)

ROMA/BRUXELLES, 26 ottobre (Reuters) - Occhi puntati sull'Italia al vertice dei capi di Stato e di governo Ue che stasera si riunisce a Bruxelles.

Silvio Berlusconi ha il difficile compito di convincere i pressanti partner europei sulla efficacia delle misure che il suo governo intende realizzare per rilanciare la crescita e rassicurare i mercati. A partire dalla riforma delle pensioni annunciata dallo stesso premier domenica scorsa ma che, a giudicare dalle informazioni emerse finora, sarebbe molto blanda, frutto di un compromesso al ribasso con la Lega nord. Il risultato potrebbe lasciare insoddisfatta l'Europa.

"Sulle pensioni il governo rischia, alla fine una strada l'abbiamo individuata. Ora vediamo cosa dice la Ue", ha detto il leader del Carroccio Umberto Bossi ieri sera.

Il pacchetto di riforme dovrebbe essere contenuto in una lettera che Roma ha inviato nel pomeriggio a Bruxelles e sulla quale il premier, insieme con Gianni Letta e il ministro leghista Roberto Calderoli ha lavorato fino a pochi minuti prima della sua partenza per Bruxelles. Al momento i contenuti della missiva non sono stati ufficializzati. Si sa solo che la lettera è arrivata a Bruxelles e che il comunicato finale del vertice dei capi di Stato farà riferimento all'Italia, secondo quanto riferito da una fonte diplomatica europea.

"La lettera di intenti richiesta all'Italia è arrivata", ha detto la fonte.

"Il comunicato finale includerà un paragrafo relativo all'Italia sul quale si sta ancora lavorando", ha aggiunto.   Continua...