24 ottobre 2011 / 17:48 / tra 6 anni

PUNTO 1-Berlusconi risponde a Sarkozy-Merkel: nessuno rida di noi

* Berlusconi: Paese dovrebbe unirsi per riforme strutturali

* Serve prestatore di ultima istanza in area euro

* Per il Foglio la nota è risposta a risate di ieri di Sarkozy (Riscrive titolo, aggiunge commenti a comunicato)

ROMA, 24 ottobre (Reuters) - Il Paese dovrebbe unirsi per fare le riforme strutturali che servono per uscire dalla crisi e il governo sta per prendere decisioni di grande importanza.

Nessuno, a cominciare dai franco-tedeschi che hanno un sistema bancario in crisi, può dare lezioni all‘Italia.

Lo dice il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in una nota diramata a pochi minuti dall‘inizio del Consiglio dei ministri chiamato a prendere le decisioni per lo sviluppo da portare al Consiglio europeo di mercoledì prossimo.

CLASSE DIRIGENTE UNITA SU SVILUPPO E RIFORME STRUTTURALI

“L‘insieme della classe dirigente italiana, se vuol essere considerata tale, invece che un coro di demagoghi, dovrebbe unirsi nello sforzo dello sviluppo e delle necessarie riforme strutturali sulle quali il governo ha preso e sta per prendere nuove decisioni di grande importanza”, scrive Berlusconi.

Secondo il presidente del Consiglio “sarebbe un bene se l‘Italia dei partiti e delle fazioni si scrollasse di dosso le vecchie abitudini negative, e per una volta si mettesse a ragionare in sintonia con il paese reale abbandonando il pessimismo e il catastrofismo”.

Poi una stoccata ai partner che fanno pressioni sul governo italiano perché faccia di più di quanto fatto finora: “Nessuno nell‘Unione può autonominarsi commissario e parlare a nome di governi eletti e di popoli europei. Nessuno è in grado di dare lezioni ai partner”.

IL FOGLIO TITOLA LA NOTA: “REPLICA ALLA RISATA DI SARKOZY”

Pochi minuti dopo la nota di palazzo Chigi, il Foglio diretto da Giuliano Ferrara (uno dei collaboratori del premier per i suoi discorsi e i suoi testi) ha pubblicato il comunicato sul suo sito internet sotto questo titolo: “Berlusconi replica alla risata di [il presidente francese Nicolas] Sarkozy, nessuno in Europa può darci lezioni”.

Ieri, nella conferenza stampa tenuta a conclusione del Cosniglio europeo il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy hanno ridacchiato quando una giornalista ha chiesto loro com‘era andato l‘incontro con Berlusconi. Un giornale si è divertito a contare la durata della risata dei due: 19 secondi. La foto dei due leader sorridenti è su molti quotidiani e viene commentata come uno “sberleffo” al Cavaliere.

PRESTATORE ULTIMA ISTANZA PER CRISI BANCARIA FRANCO-TEDESCA

Berlusconi avverte che la crisi dell‘area dell‘euro viene anche dalle condizioni precarie del sistema bancario francese e tedesco e si spiega con la mancanza di un prestatore di ultima istanza.

“Quanto alle turbolenze da debito sovrano e da crisi del sistema bancario, in particolare franco-tedesco, abbiamo posizioni ferme, che porteremo al prossimo vertice dell‘Unione”, scrive il Cavaliere.

“L‘euro è l‘unica moneta che non abbia alle spalle, come il dollaro o la sterlina o lo yen, un prestatore di ultima istanza disposto a difendere strutturalmente la sua credibilità di fronte all‘aggressività dei mercati finanziari. Questa situazione va corretta una volta per tutte”.

(Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224354, Reuters Messaging: paolo.biondi.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below