Banche Italia, outlook negativo, prospettive deteriorate per top 5- Fitch

giovedì 20 ottobre 2011 16:53
 

MILANO, 20 ottobre (Reuters) - L'outlook di Fitch sulle principali banche italiane è negativo e l'agenzia ritiene che le prospettive per i primi cinque istituti si sono significativamente deteriorate. Nello stesso tempo l'incertezza persistente sulla crisi della zona euro solleva rischi di ribasso significativi per le banche italiane, i cui costi di raccolta sono legati agli spread sui titoli di debito sovrani.

Il fattore chiave per un cambio di outlook a 'stabile' - si legge in una nota - sarebbe un deciso miglioramento della redditività operativa. Tuttavia, Fitch ritiene che a causa delle pressioni sugli utili, degli elevati costi di funding e della performance poco brillante dell'economi domestica la redditività resterà debole anche nel 2012.

L'agenzia ritiene che le prime cinque banche - UniCredit , Intesa , Mps , UBI Banca e Banco Popolare - riusciranno a raccogliere fondi sufficienti pur in un contesto difficile potendo contare sull'emissione di bond attraverso il network di filiali. Tuttavia sarà difficile controbilanciare i più elevati costi della raccolta con l'aumento dei prezzi per impieghi e servizi.

L'esposizione al debito sovrano è limitata all'Italia, ma significativa con un dato di fine giugno relativo ai titoli di stato italiani di 170 miliardi di euro, pari a circa il 180% del core capital aggregato calcolato da Fitch.

Già l'11 ottobre Fitch aveva declassato il rating di tre banche su cinque a seguito del downgrade sul rating sovrano dell'Italia. Per dettagli cliccare

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia