Regole bilancio Ue diventeranno leggi nazionali entro 2012 - bozza

giovedì 20 ottobre 2011 13:00
 

BRUXELLES, 20 ottobre (Reuters) - I Paesi della zona euro inseriranno le regole di bilancio dell'Unione europa all'interno della loro legislazioni nazionali entro la fine del prossimo anno. E' quanto si legge nella bozza di dichiarazione che verrà discussa dai leader europei nel summit di domenica.

Le norme dell'Unione europea limitano il deficit di bilancio al 3% del Pil e il debito pubblico al 60% del Pil. In base a queste regole, i Paesi dovrebbereo portare i bilanci vicini al pareggio o in surplus, e prevedere sanzioni in caso contrario.

Tali norme sono in essere dalla nascita dell'euro, nel 1999, ma non sono mai state applicate, in parte perchè il meccanismo di imposizione si è dimostrato debole. Una situazione modificata dagli ultimi emendamenti alle norma, finalizzate all'inizio di ottobre.

"Noi capi di Stato e di governo ci impegniamo all'adozione da parte di ciascun Stato membro dell'area euro della regola del pareggio di bilancio traducendo le regole su deficit e debito contenute nel Patto di Stabilità e Crescita, preferibilmente a livello costituzionale, entro la fine del 2012" si legge nella bozza di dichiarazione, ottenuta da Reuters.

Il documento inoltre ribadisce che il coinvolgimento degli investitori del settore privato nel secondo pacchetto di salvataggio della Grecia sarà un caso unico e che tutti gli altri Paesi della zona euro onoreranno i loro impegni sul debito.

L'intento è di mettere fine alle speculazioni del mercato che Irlanda e Portogallo, gli altri due Paesi che hanno ricevuto prestiti di emergenza dalla zona euro e dal Fondo monetario internazionale, possano pretendere da parte degli investitori privati un condono parziale del loro debito.

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129734, Reuters messaging: elvira.pollina.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia